Sistema Tessera Sanitaria 2022: invio, scadenze, consigli

di Michele Aquilino
Sistema Tessera Sanitaria 2022

Tutto quello che c’è da sapere sull’invio dei dati al Sistema TS per il 2022. Entra definitivamente in vigore l’invio su base mensile, anzi no… Quali dati inviare? Quali sono i soggetti obbligati a trasmettere? Come gestire i casi più complicati? Ecco la guida completa.

Ritorna l’appuntamento con l’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria anche nel 2022. Se i più virtuosi si sono già portati avanti con il lavoro, sicuramente molti altri si muoveranno proprio nelle prossime settimane, in vista della scadenza del 31 gennaio 2022 (prorogata all’8 febbraio, per i dati del 2° semestre 2021). Ricordiamo che l’invio dei dati al Sistema TS è una delle comunicazioni necessarie per la corretta predisposizione delle Dichiarazioni Precompilate da parte dell’Agenzia delle Entrate. La trasmissione delle spese sanitarie da parte dei medici consente infatti ai contribuenti di trovare le stesse già caricate nel 730 precompilato.

NOVITÀ: con il comunicato stampa del 28 gennaio 2022, l’Agenzia delle Entrate ha prorogato dal 31 gennaio all’8 febbraio 2022 il termine per comunicare i dati relativi al secondo semestre 2021.

Nel corso degli ultimi anni, non sono mancate novità e modifiche alla normativa legata al funzionamento del Sistema Tessera Sanitaria. Si pensi ad esempio alle novità relative alla tracciabilità delle spese mediche, o ancora alla periodicità della trasmissione, fino al diritto di opposizione del paziente. Ecco perché è utile vedere insieme qual è il comportamento corretto da tenere nella gestione di alcune casistiche particolari.

Leggi di più: Medici Specializzandi: tutto su Partita IVA, tasse, contributi

Sistema TS: le regole in vigore e i dati da inviare

Ecco un riepilogo del funzionamento attuale della trasmissione dei dati al Sistema TS come previste dal D.M. del 31 luglio 2015 e successive integrazioni.

1. Prestazioni da comunicare a carico degli iscritti OMCeO

Gli iscritti all’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri sono tenuti ad effettuare la trasmissione dei dati al Sistema TS quando effettuano una fra le seguenti prestazioni:

  • prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale esclusi gli interventi di chirurgia estetica;
  • visite mediche generiche e specialistiche o prestazioni diagnostiche e strumentali;
  • prestazioni chirurgiche ad esclusione della chirurgia estetica;
  • interventi di chirurgia estetica ambulatoriali o ospedalieri;
  • certificazioni mediche;
  • altre spese sostenute dagli assistiti, non comprese nell’elenco precedente.

2. I dati da comunicare

In ogni comunicazione al Sistema TS, dunque per ogni prestazione, bisogna inserire i seguenti dati:

  • codice fiscale del contribuente o del familiare a carico cui si riferisce la spesa o il rimborso;
  • codice fiscale o partita Iva e cognome e nome o denominazione del soggetto di cui all’articolo 3, comma 3  D.Lgs. n. 175/2014;
  • data del documento fiscale che attesta la spesa;
  • tipologia della spesa;
  • importo della spesa o del rimborso;
  • data del rimborso;
  • il tipo di documento fiscale (es. fattura o altra tipologia di documento)
  • l’aliquota o la natura Iva dell’operazione (es. esente)
  • l’indicazione dell’esercizio dell’opposizione da parte del cittadino.

Leggi di più: Medici e co.co.co.: conferme sul corretto trattamento fiscale

Invio dati al Sistema Tessera Sanitaria 2022: scadenza e sanzioni

Come anticipato, la prossima data da evidenziare sul calendario è l’8 febbraio 2022. Entro questa data, infatti, è obbligatorio trasmettere al Sistema TS tutti i dati relativi alle spese sanitarie sostenute dai pazienti fra il 1° luglio 2021 e il 31 dicembre 2021. A partire dal 2022, invece, l’invio dei dati avrà cadenza mensile.

Questo vuol dire che entro il 28 febbraio 2022 bisognerà trasmettere i dati relativi alle prestazioni rese a gennaio 2022, entro il 31 marzo 2022 i dati relativi alle prestazioni di febbraio 2022, e così via. Vi sarà dunque un totale di 12 scadenze per altrettante mensilità.

Il rispetto delle scadenze previste è di vitale importanza. Sul medico infatti grava il rischio di sanzioni anche molto pesanti. Ogni fattura non trasmessa comporta una sanzione di 100,00 euro, fino ad un massimo di 50.000,00 euro. Ci sono tuttavia alcune agevolazioni:

  • la trasmissione entro i 5 giorni successivi alla scadenza è senza sanzioni;
  • la trasmissione oltre i 5 giorni e entro 60 giorni dalla scadenza prevede la riduzione delle sanzioni ad un terzo (33,33 euro per ogni comunicazione) fino ad un massimo di 20.000,00 euro.

ATTENZIONE: AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2022 – RITORNA L’INVIO SEMESTRALE

Continua il valzer delle scadenze del Sistema TS. Con decreto del Ragioniere Generale dello Stato è stato riconfermato a posteriori – esattamente come accadde nel 2021 – l’invio su base semestrale e non più mensile. Dopo la scadenza dell’8 febbraio, relativa all’invio dei dati del secondo semestre 2021, si procederà entro il 30 settembre 2022 con la comunicazione delle spese sostenute nel primo semestre 2022 ed entro il 31 gennaio 2023 con la comunicazione delle spese sostenute nel secondo semestre 2022.

Viene poi ulteriormente disposto l’invio dei dati (nuovamente) su base mensile a partire dalle spese sostenute dal 1° gennaio 2023. Non dovremmo sorprenderci, a questo punto, se per il terzo anno di fila si procederà a smentire quanto precedentemente disposto, riportando l’invio dei dati su base (almeno) semestrale.

Il calendario degli invii 2022

Salvo eventuali proroghe, attualmente le scadenze relative ai dati 2022 sono le seguenti:

  • 30 settembre 2022 per i dati relativi al primo semestre 2022;
  • 31 gennaio 2023 per i dati relativi al secondo semestre 2022.

Leggi di più: Codice Ateco per Medico: scegli quello giusto

Come trasmettere i dati al Sistema TS?

Per effettuare correttamente l’invio dei dati al Sistema TS bisogna accedere all’apposito portale cliccando sul seguente link https://sistemats4.sanita.finanze.it/simossHome/login.jsp.

Chi invece non ha le proprie credenziali personali o le ha smarrite, può consultare la guida contenuta al seguente link https://sistemats1.sanita.finanze.it/…/e7f1b24a-55f7…

Per eventuali dubbi relativi alla trasmissione dei dati al Sistema TS 2022, infine, le relative risposte potrebbero essere contenute nelle FAQ riportate al seguente link https://sistemats1.sanita.finanze.it/…/spese-sanitarie-faq

Leggi di più: Medico di continuità assistenziale: l’inquadramento corretto

Invio dati al Sistema TS

Sistema Tessera Sanitaria 2022: consigli pratici per evitare errori

Cosa fare se la fattura non è completa di tutti i dati? Che tipo di dati devo trasmettere? Quale codice IVA devo riportare? Se già ti è capitato di imbatterti in questi dubbi, potresti trovare utili questi consigli pratici che ho confezionato per te sull’invio dei dati al Sistema TS per il 2022.

1. Quali dati vanno trasmessi?

Si trasmettono i dati relativi alle sole fatture incassate (attenzione: non fatture emesse, ma di cui si è ricevuto il pagamento) da parte dei pazienti nei periodi di riferimento (es. 1° giugno 2021 – 31 dicembre 2021 per l’invio da effettuare entro l’8 febbraio 2022; 1° gennaio 2022 – 30 giugno 2022 per l’invio da effettuare entro il 30 settembre 2022; ecc). Pertanto non vanno comunicati i dati relativi a fatture emesse verso altri colleghi, studi medici, cliniche e altre strutture sanitarie. La finalità dell’operazione è infatti quella di consentire all’Agenzia delle Entrate di predisporre correttamente le Dichiarazioni Precompilate, inserendo fra le altre voci anche quelle relative alle spese sanitarie per cui il paziente potrebbe aver diritto alle detrazioni fiscali. Per ogni fattura vanno certamente indicati il codice fiscale del paziente, la data e il numero della fattura, l’importo pagato dal paziente e la modalità di pagamento utilizzata.

2. Cosa fare nel caso di fatture senza il codice fiscale del paziente?

Chi per una svista non ha inserito il codice fiscale del paziente, non può trasmettere quella spesa sanitaria al Sistema TS perché è impossibile individuare in maniera univoca il beneficiario della relativa detrazione. Le alternative dunque sono due: integrare la fattura, ove possibile, oppure rinunciare alla trasmissione dei dati relativi a quella fattura.

Leggi di più: Contributi Enpam 2021: Guida completa, costi e scadenze

3. Diritto di opposizione del paziente

Nel caso in cui il paziente, all’atto dell’emissione della fattura, abbia manifestato la volontà di non trasmettere i propri dati al Sistema TS, non bisogna trasmettere i dati relativi alla fattura in questione. Per una maggiore chiarezza (ma anche come ottimo promemoria), in casi simili è buona regola riportare su entrambe le copie della fattura (quella trattenuta e quella lasciata al paziente) la dicitura “Il paziente si oppone alla trasmissione al Sistema TS ai sensi dell’art. 3 del DM 31-7-2015“.

4. Bollo e IVA in fattura

Se la fattura ricomprende importi incassati a titolo di imposta di bollo o IVA, anche questi importi rientrano nell’importo totale comunicato con riferimento a tale fattura. Il paziente avrà diritto alla detrazione sul totale dell’importo pagato. ATTENZIONE: le FAQ aggiornate per il 2022 (consulta il link che ho riportato più in alto) prevedono che, nei casi in cui il paziente abbia pagato anche l’imposta di bollo, tale importo vada indicato in una riga distinta rispetto all’importo della prestazione e attribuendo il codice Natura N1 oppure, alternativamente, il codice N2.2 .

5. “NaturaIVA” per i medici in regime forfettario

I medici che nel periodo interessato erano in regime forfettario devono indicare alla voce “NaturaIVA” il codice Natura N2.2 per ogni fattura di cui si comunicano i dati.

Leggi di più: Medici convenzionati Asl non tenuti ad emettere fattura

6. Modalità di pagamento

A partire dal 2020, ai fini della detraibilità delle spese sanitarie è importante che i pagamenti siano avvenuti con mezzi tracciabili (es. bancomat, carta di credito). Il Sistema TS infatti richiede la specifica indicazione, fattura per fattura, circa la tracciabilità (o meno) del pagamento eseguito dal paziente. Qualora il paziente abbia pagato con mezzi tracciabili l’intero importo, con esclusione della sola imposta di bollo, le FAQ chiariscono che si può inserire l’importo della fattura al netto dell’imposta di bollo e definire la spesa come sostenuta con metodi di pagamento tracciabili. Se invece ad essere pagata in contanti non è stata la sola imposta di bollo ma proprio una parte o la totalità della prestazione sanitaria, bisognerà qualificare il pagamento come non tracciato.

7. Non ricordo con certezza come ha pagato il paziente… Cosa faccio?

Nel caso in cui siate incerti sul metodo di pagamento relativo ad una determinata fattura perché non lo ricordate e non avete annotazioni specifiche, vi consiglio di indicare il pagamento come “non tracciato”. Il paziente, infatti, ha sempre la possibilità di modificare la Dichiarazione Precompilata aggiungendo la spesa in questione, qualora ritenga di avere diritto (anche in virtù del metodo di pagamento utilizzato) alla detrazione fiscale. In caso contrario, rischiereste di legittimare una detrazione non spettante, ed è una responsabilità che decisamente sarebbe il caso di evitare.

Leggi di più: Prestazioni occasionali vietate per iscritti ad Albi professionali

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più