Modello 5/2021 Cassa Forense: la Guida completa

di Antonella Salzarulo
modello 5/2021 cassa forense

Anche quest’anno va trasmesso il Modello 5 alla Cassa Forense: scadenza il 30 settembre 2021. Ecco chi è tenuto a presentarlo e chi può farne a meno. Come calcolare gli importi da comunicare. Sanzioni pesanti per ritardi o omissioni.

Uno fra gli appuntamenti consueti per la categoria degli Avvocati, che ritorna anche quest’anno, è quello con il Modello 5/2021 alla Cassa Forense. Si tratta dell’adempimento dichiarativo che consente alla Cassa di calcolare correttamente i contributi previdenziali dovuti.

In questa guida vediamo insieme:

  • soggetti obbligati;
  • importi da dichiarare;
  • scadenza e modalità di invio;
  • sistema sanzionatorio.

Leggi di più: Contributi Cassa Forense: adempimenti e scadenze

Chi è tenuto a trasmettere il Modello 5/2021 alla Cassa Forense?

Per chiarire il quadro sul Modello 5/2021, iniziamo distinguendo i soggetti obbligati alla comunicazione da quelli esonerati. Le regole della Cassa, infatti, prevedono alcune categorie che non sono tenute a presentare il Modello 5.

Soggetti obbligati

  • Avvocati iscritti, anche per un solo giorno, all’albo nell’anno anteriore a quello di scadenza per l’invio del modello 5;
  • Praticanti iscritti alla Cassa nell’anno anteriore a quello di scadenza per l’invio del modello 5;
  • Iscritti alla Cassa (anche se per frazione di anno) nell’anno anteriore a quello di scadenza per l’invio del modello 5;
  • Avvocati, di nazionalità italiana, che esercitano la professione all’estero e conservano l’iscrizione all’albo in Italia limitatamente alla parte di reddito e di volume di affari soggetta a tassazione in Italia;
  • Avvocati, di nazionalità estera, iscritti nell’anno precedente a quello di scadenza per l’invio del modello 5, in un albo professionale in Italia;
  • Professori universitari che abbiano optato per il tempo definito e mantenuto l’iscrizione all’albo;
  • Eredi di avvocati deceduti obbligati all’invio del modello 5.

Soggetti non obbligati

  • Iscritti nel registro dei praticanti non iscritti alla Cassa per l’intero anno solare precedente a quello di invio del modello 5;
  • Soggetti che, per l’intero anno solare precedente a quello di invio del modello 5, erano iscritti negli elenchi speciali dei legali enti pubblici o dei docenti universitari a tempo pieno;
  • Avvocati iscritti contemporaneamente in più albi professionali che, a seguito di espressa disposizione legislativa, abbiano esercitato il diritto di opzione per l’iscrizione ad altra Cassa previdenziale entro il 1°/02/2013, ossia prima dell’entrata in vigore della l. 247/2012. Tali professionisti sono comunque tenuti a fornire alla Cassa la prova dell’avvenuta opzione al fine di essere esonerati dall’obbligo di invio del modello 5 e dal pagamento dei contributi.

Leggi di più: Prestazioni occasionali vietate per iscritti ad Albi professionali

Come si calcolano gli importi da dichiarare?

Sono due i dati da indicare nel Modello/5 2021 alla Cassa Forense:

  • reddito professionale 2020;
  • volume d’affari 2020.

Reddito professionale 2020

Di fatto non è necessario effettuare alcun calcolo, bensì è importante individuare correttamente il rigo della Dichiarazione dei Redditi da cui estrapolare il dato giusto. In particolare:

  • chi è soggetto ad IRPEF deve riportare il dato del rigo RE21 colonna 3 del Modello Redditi PF;
  • i soggetti in regime c.d. dei minimi riportano il dato di cui al rigo LM6 (dedotto del dato eventualmente presente al rigo LM9 colonna 3) del Modello Redditi PF;
  • coloro che adottano il regime forfettario riportano il dato del rigo LM34 colonna 3 (dedotto del dato eventualmente presente al rigo LM37 colonna 6) del Modello Redditi PF;
  • chi svolge attività in forma associata riporta il dato del rigo RH15 (maggiorato dell’eventuale importo presente al rigo RH7 o ridotto dell’eventuale importo presente al rigo RH8) del Modello Redditi PF;
  • per l’attività di giudice onorario di pace e vice procuratore onorario, il dato da riportare è quello di cui al rigo RC9 del Modello Redditi PF.

Volume d’affari 2020

Anche per il volume d’affari, l’importo è ricavato direttamente dai modelli dichiarativi. In particolare:

  • chi è soggetto ad IRPEF indica il dato di cui al rigo VE50 della Dichiarazione IVA 2021, al netto dell’importo del contributo integrativo già assoggettato ad IVA nel 2019;
  • i soggetti in regime c.d. dei minimi riportano il dato di cui al rigo LM2 del Modello Redditi PF;
  • coloro che adottano il regime forfettario riportano il dato del rigo LM22-27 colonna 3 del Modello Redditi PF, riferito al solo codice Ateco 69.10.10;
  • chi svolge attività in forma associata riporta l’importo corrispondente alla ripartizione del volume d’affari IVA complessivo con le stesse percentuali utilizzate per la distribuzione degli utili fra gli associati o soci.

Leggi di più: Codice Ateco per Avvocato: scegli quello giusto

modello 5/2021 cassa forense

Scadenza e modalità di invio del Modello 5/2021 alla Cassa Forense

La scadenza ordinaria per la trasmissione del Modello 5/2021 alla Cassa Forense è il 30 settembre 2021. Salvo eventuali proroghe, dunque, è questo il termine di riferimento per tale adempimento.

Ricordiamo inoltre che le scadenze 2021 per il versamento della prima e della seconda rata in autoliquidazione calcolate sui redditi professionali 2020 sono state accorpate e poste al 31 dicembre 2021. Normalmente, invece, la prima rata ha scadenza al 31 luglio e la seconda al 31 dicembre.

Come si trasmette il Modello 5/2021 alla Cassa Forense? L’unica modalità consentita è quella telematica. È necessario infatti collegarsi al sito www.cassaforense.it e seguire il percorso:

In questa sezione sarà possibile inoltre effettuare (o verificare) i calcoli per la corretta determinazione dei contributi in autoliquidazione.

Per la trasmissione del Modello 5 non è richiesta la firma digitale.

Leggi di più: Liberi professionisti con co.co.co.: il corretto trattamento fiscale

Occhio alle sanzioni…

Il rispetto del termine previsto per l’invio del Modello 5 è estremamente importante. Sono previste, infatti, sanzioni pesanti per chi omette l’invio o per chi lo effettua con ritardo. Ecco il dettaglio delle sanzioni:

  • 88,00 euro per l’invio effettuato entro 30 giorni dalla scadenza;
  • 179,00 euro per l’invio oltre i 30 giorni dalla scadenza ma entro il 31 dicembre dell’anno in cui deve essere presentata la dichiarazione (31 dicembre 2021 per il Modello 5/2021);
  • 270,00 euro per l’invio oltre il 31 dicembre dell’anno in cui deve essere presentata la dichiarazione (a partire dal 1° gennaio 2022 per il Modello 5/2021);
  • 448,00 euro per l’omesso invio del Modello 5/2021 (invio mai effettuato).

La Cassa Forense prevede inoltre, sempre sul piano sanzionatorio, i seguenti casi particolari:

  • nessuna sanzione per l’invio tardivo relativo al primo e al secondo anno di iscrizione;
  • nessuna sanzione per l’invio tardivo durante il periodo di praticantato con iscrizione alla Cassa;
  • 88,00 euro in caso di invio tardivo con reddito e volume d’affari entrambi pari a zero.

Leggi di più: Aprire Partita Iva da Avvocato: costi e adempimenti

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più