Gestione Separata INPS Aliquote 2021: aumento in vista

di Michele Aquilino
Gestione Separata INPS Aliquote 2021

Sei un “professionista senza cassa”? Scopri adesso come pagare i tuoi contributi all’INPS. Iscriversi è semplice e paghi solo se guadagni. Ecco aliquote, minimali e scadenze comunicate dall’INPS per i contributi alla Gestione Separata sui redditi 2021.

La Gestione Separata è nata con la Legge 335/95, la cosiddetta Riforma Dini. È la cassa di previdenza per chi svolge lavoro autonomo o collaborazioni coordinate e continuative senza una cassa specifica. Se ti trovi in un caso simile, devi assolutamente conoscere la Gestione Separata INPS e le aliquote previste per il 2021. Sono assicurati con questa Gestione, fra gli altri, anche:

Come iscriversi alla Gestione Separata INPS

Per procedere con l’iscrizione, è necessario ottenere il proprio PIN personale dall’INPS. È possibile farlo in 3 modi:

Con la procedura online, si ottiene subito la prima parte del PIN via sms. La seconda parte viene inviata in formato cartaceo all’indirizzo di residenza indicato durante la procedura. Servono circa 10 giorni, ma controlla sempre la PEC: potrebbe arrivare lì in molto meno tempo (24 ore circa).

Ottenuto il PIN completo, basta inserirlo insieme al codice fiscale sul Portale INPS per completare velocemente l’iscrizione. Puoi iscriverti come Parasubordinato o come Libero Professionista. Vedrai che la procedura è molto semplice e rapida.

In alternativa, puoi sempre accedere ai servizi INPS tramite SPID.

Quanto costa la Gestione Separata INPS per il 2021?

La Gestione Separata è vantaggiosa per le nuove attività che hanno ancora piccoli volumi di affari. Essa infatti permette di evitare i costosi minimali obbligatori della Gestione Artigiani e Commercianti. In pratica, paghi solo sul reddito che produci.

Una volta calcolato il reddito imponibile in base alle regole fiscali, su di esso si possono applicare 2 aliquote a seconda dei casi. La Circolare INPS n. 12 del 05/02/2021 ha infatti chiarito che:

  • i collaboratori (e figure assimilate) pagano il 33,72% del proprio reddito annuo, che sale a 34,23% per i soggetti per i quali è prevista la contribuzione aggiuntiva Dis-Coll (indennità di Disoccupazione per Collaboratori);
  • i liberi professionisti pagano il 25,98% del proprio reddito annuo.

Per entrambe le categorie, però, la quota scende al 24% se già si versa o si percepisce la pensione da un’altra gestione o da un’altra cassa di previdenza.

Per gli iscritti alla Gestione Separata, c’è la facoltà di addebitare al cliente il 4% in fattura, per far gravare sul cliente una parte dei propri contributi. Questa somma, eventualmente inserita in fattura, rientra comunque nel reddito imponibile: in altre parole, devi pagare le tasse su queste somme aggiuntive. Il totale dei contributi versati nell’anno, invece, come tutte le forme di contribuzione obbligatoria, è deducibile dalla base imponibile in sede di dichiarazione dei redditi.

Gestione Separata INPS Aliquote 2021

Gestione Separata INPS: aliquota 2021 in aumento per i liberi professionisti

L’aliquota 2021 riservata ai liberi professionisti – 25,98% – risulta in aumento rispetto al 2020, quando era ferma al 25,72%. L’INPS ha fatto sapere, sempre nella Circolare n. 12 del 5 febbraio 2021, che l’aumento pari a +0,26% è da imputare alla nuova misura ISCRO, la c.d. cassa integrazione per liberi professionisti.

Il maggior gettito contributivo derivante da questo aumento dell’aliquota, dunque, servirà a finanziare questa misura. L’obiettivo, pertanto, dovrebbe essere quello di innescare un meccanismo di solidarietà a favore degli iscritti che hanno una situazione di maggiore difficoltà.

Gestione Separata INPS e Aliquote 2021: minimale e massimale

La Circolare INPS per il 2021 ha confermato il minimale e il massimale per la Gestione Separata. In particolare:

  • il minimale, che rileva per capire se hai raggiunto pienamente un anno di anzianità contributiva, è rimasto a 15.953,00 euro di reddito;
  • il massimale, oltre il quale non è dovuto il pagamento dei contributi, è pari a 103.055,00 euro.
Foglio di calcolo gratuito: Clicca qui per sapere quanto pagherai alla Gestione Separata per il 2021

Scadenze e modalità di versamento

Per capire a pieno come funziona la Gestione Separata INPS, non ti rimane che conoscere le scadenze per i versamenti. La regola generale prevede che la Gestione Separata segua le scadenze previste per le imposte sui redditi dei titolari di Partita IVA. Sono previste, di conseguenza, due date fondamentali nel corso dell’anno (salvo proroghe last minute):

  • entro il 30 giugno si versa il saldo per l’anno precedente più il primo acconto (pari al 40% dei contributi totali dovuti per l’anno precedente) per l’anno in corso;
  • entro il 30 novembre si versa il secondo acconto (anch’esso pari al 40% dei contributi totali dovuti per l’anno precedente) per l’anno in corso.

Il debito contributivo con scadenza 30 giugno può essere rateizzato (fino ad un massimo di 5 rate). Può anche essere pagato entro 30 giorni oltre la scadenza con una maggiorazione di appena lo 0,4% (es. solo 4,00 euro su un debito di 1.000,00 euro).

I contributi alla Gestione Separata possono essere versati utilizzando il modello F24, compilando opportunamente l’apposita sezione dedicata proprio ai versamenti INPS.

Ricorda che se vuoi aprire e gestire online la tua Partita Iva da libero professionista, non devi fare altro che candidarti sul nostro sito per trovare un Commercialista online dedicato ed esperto sul tuo caso!

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più