Dichiarazione IVA 2022 tardiva o omessa: guida completa

di Antonella Salzarulo
IVA 2022 tardiva o omessa

La Dichiarazione IVA 2022 inviata con ritardo si considera tardiva, ma se il ritardo supera i 90 giorni la Dichiarazione IVA si considera omessa. Ravvedimento operoso e regolarizzazione.

L’invio della Dichiarazione IVA 2022 era previsto per lo scorso 2 Maggio (il 30 Aprile infatti cadeva di sabato). Chi non ha provveduto entro i termini ha tempo fino al 29 Luglio per beneficiare della sanzione ridotta. In sostanza, quando parliamo di Dichiarazione IVA omessa o tardiva, dobbiamo far riferimento all’ulteriore termine di 90 giorni dalla scadenza dell’invio. Ma vediamo nello specifico la differenza tra dichiarazione IVA omessa e dichiarazione IVA tardiva.

Leggi di più: Verifica Partita IVA 2022: la Guida aggiornata

Dichiarazione IVA 2022 tardiva

La dichiarazione IVA presentata entro il termine di 90 giorni dalla scadenza ordinaria (30 Aprile 2022) si considera valida, ma è prevista l’applicazione delle sanzioni. Questo è quanto disposto dagli articoli 2 e 8 del DPR n. 322/1998. L’ulteriore termine di 90 giorni, scade quindi il 29 luglio 2022.

Nel caso in cui si provveda all’invio tardivo della Dichiarazione IVA, bisogna ricordarsi di versare una sanzione ordinaria per il ritardo che però può essere ridotta tramite l’istituto del ravvedimento operoso. Nello specifico, in caso di invio entro 90 giorni dalla scadenza, la sanzione applicata è pari ad un minimo di 250 euro e fino ad un massimo di 2.000 euro.

La violazione, sanata con ravvedimento operoso si ridurrà quindi a 25 euro (1/10 della sanzione ordinaria), da versare utilizzando il modello F24 e il codice tributo 8911.

Leggi di più: Aliquote IVA 2022: le tabelle complete attualmente in vigore

Dichiarazione omessa

Nel caso di invio della Dichiarazione IVA oltre i 90 giorni dalla scadenza la dichiarazione è considerata omessa ma, in ogni caso, è ritenuta valida per la riscossione dell’imposta eventualmente dovuta. La sanzione dovuta in caso di omessa presentazione della dichiarazione IVA annuale va dal 120% al 240% dell’ammontare dell’imposta (con un minimo di 250 euro, anche qualora non siano dovute imposte, fino ad un massimo di 1.000 euro).

In base a quanto previsto dall’articolo 5, comma 1, D.lgs. n. 471 del 1997, la sanzione va dal 60% al 120% delle imposte dovute (con un minimo di 200 euro) se la dichiarazione omessa è presentata dal contribuente entro:

  • la scadenza per l’invio della dichiarazione del periodo d’imposta successivo;
  • prima dell’avvio dell’attività di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Invece, se dalla dichiarazione IVA emerge che non sono dovute imposte si applica la sanzione da 150 a 1.000 euro.

Leggi di più: Operazioni Intra-Ue in Dichiarazione IVA 2022

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più