Limite pagamenti in contanti a 2000 euro dal 1° luglio

di Francesco Aquilino
389 visualizzazioni
limite pagamenti in contanti

In accordo con gli orientamenti del Governo, dal 1° luglio si abbassa la soglia per l’uso del contante. Il limite per i pagamenti in contanti passa da 3000 a 2000 euro. Ma si tratta solo di una fase di transizione: il limite scenderà ulteriormente dal 2022. Scopri tutti i dettagli.

A partire dal 1° luglio 2020 si riduce il limite per i pagamenti in contanti. Come previsto dal Decreto Legge 26 ottobre 2019, n. 124, non sarà più possibile trasferire denaro contante per importi pari o superiori a 2.000 euro. Il precedente limite, in vigore fino al 30 giugno 2020, è di 3.000 euro. La misura, introdotta già lo scorso anno, è in perfetto accordo con l’orientamento che il Governo ha recentemente confermato in merito all’incentivazione dei pagamenti elettronici. Anche il “Piano Colao“, elaborato dal Comitato di esperti in materia economica e sociale istituito dal premier Conte, ha tra i suoi capisaldi il progressivo abbandono del contante in favore dei pagamenti tracciabili. Scopriamo quindi tutti dettagli relativi ai nuovi limiti, ponendo l’attenzione anche sulle sanzioni previste in caso di trasgressione.

Leggi di più: Piano Colao: rinvio delle scadenze fiscali e tanto altro…

Limite pagamenti in contanti: le operazioni interessate

La nuova disciplina in vigore dal 1° luglio 2020 vieta che le operazioni dal valore pari o superiore a 2.000 euro siano regolate mediante il trasferimento di:

  • denaro contante;
  • libretti di deposito bancari o postali al portatore;
  • titoli al portatore in euro o in valuta estera.

Il riferimento è alle operazioni che coinvolgono due entità giuridiche distinte (anche due società con lo stesso legale rappresentante). Il limite vale anche nel caso di una singola operazione del valore pari o superiore a 2.000 euro con pagamento frazionato.

Il trasferimento di denaro contante, libretti e titoli per importi pari o superiori a 2.000 euro può tuttavia essere eseguito per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste Italiane S.p.A.

Leggi di più: Rinuncia al contante: scopri le agevolazioni

Limite più basso a partire dal 2022

Ad introdurre per la prima volta il limite all’uso del contante in Italia fu il Decreto Legislativo 21 novembre 2007, n. 231. Inizialmente il limite fu fissato a 5.000 euro, per poi essere abbassato a 1.000 euro dal Governo Monti. Dal 1° gennaio 2016 (fino al prossimo 30 giugno 2020) il limite è stato portato a 3.000 euro.

Adesso, come ampiamente detto, si scende ulteriormente a 2.000 euro. Ma questo nuovo limite ha soltanto una portata provvisoria. Lo stesso D.L. 124/2019 stabilisce infatti che a partire dal 1° gennaio 2022 il limite ai pagamenti in contanti tornerà ad essere pari a 1.000 euro.

Leggi di più: Bonus Inps Maggio 2020: ecco la procedura per richiederlo

Le sanzioni in caso di violazione

Il mancato rispetto del limite ai trasferimenti di denaro contante espone i trasgressori a pesanti sanzioni amministrative. Fino al prossimo 30 giugno, potranno essere applicate sanzioni comprese tra i 3.000 e i 50.000 euro. Dal 1° luglio 2020 la sanzione minima scende a 2.000, in accordo con il nuovo limite. Allo stesso modo dal 1° gennaio 2022 la sanzione minima scenderà a 1.000 euro.

Entrambe le parti coinvolte sono responsabili dell’eventuale trasferimento di contanti per importi eccedenti il limite. Da ciò discende che entrambi gli attori sono passibili di sanzioni.

Leggi di più: Ecobonus fino a 6000 euro per l’acquisto di nuovi veicoli

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più