Invio tardivo 770 2021: procedure, consigli e sanzioni

di Michele Aquilino
invio tardivo 770 2021

Nessuna proroga rispetto al termine ordinario del 2 novembre per l’invio dei 770/2021. E adesso come gestire i ritardi? Sono previste delle sanzioni?

Niente da fare. La proroga relativa alla scadenza per la trasmissione del Modello 770/2021 – in cui molti riponevano le proprie speranze – non c’è stata. A questo punto, per chi non ha rispettato il termine ordinario del 2 novembre (31 ottobre e 1° novembre erano festivi), la domanda sorge spontanea: come gestire l’invio tardivo del 770/2021? Si va incontro a sanzioni? Facciamo dunque il punto della situazione e vediamo – dalla A alla Z – quali sono gli aspetti a cui deve prestare attenzione chi non ha ancora adempiuto.

Il Modello 770 è conosciuto anche come “Dichiarazione dei sostituti d’imposta e degli intermediari“. Esso consente di comunicare i dati relativi alle ritenute:

  • di natura fiscale su redditi di lavoro dipendente o autonomo, provvigioni e redditi diversi operate nel 2020 anche con i relativi versamenti, le eventuali compensazioni effettuate, il riepilogo dei crediti e gli altri dati contributivi ed assicurativi richiesti;
  • operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale erogati nellanno 2019 od operazioni di natura finanziaria effettuate nello stesso periodo, anche con i relativi versamenti e le eventuali compensazioni operate ed i crediti d’imposta utilizzati;
  • applicate dagli intermediari immobiliari sui canoni e i corrispettivi nelle locazioni brevi.

Leggi di più: Modello 770 2021: la Guida completa

Modello 770/2021: i soggetti obbligati alla presentazione

Sono obbligati alla presentazione del Modello 770 tutti i soggetti che nel corso del 2020 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenute alla fonte. Dal punto di vista soggettivo, essi possono essere:

  • società di capitali, società di persone, società di armamento, società di fatto o irregolari, società e associazioni professionali;
  • enti commerciali pubblici o privati, enti non commerciali di natura pubblica;
  • associazioni non riconosciute, consorzi e aziende speciali;
  • trust;
  • condomìni;
  • aziende coniugali;
  • GEIE;
  • persone fisiche che esercitano attività di impresa, arti o professioni;
  • amministrazioni dello Stato;
  • curatori fallimentari e commissari liquidatori.

Oltre ai soggetti che operano ritenute alla fonte, devono presentare il Modello 770 anche i soggetti che:

  • hanno applicato l’imposta sostitutiva su interessi, premi e frutti di obbligazioni, titoli e dividendi;
  • sono tenuti a comunicare le cessioni e le altre operazioni che possono generare redditi in cui sono intervenuti come intermediari;
  • sono rappresentanti fiscali di un soggetto non residente.

Leggi di più: Decreto Fiscale 2021: le novità per il mondo del lavoro

invio tardivo 770 2021

Invio tardivo 770/2021: gestione e sanzioni

Una volta compreso se e cosa devi comunicare tramite il Modello 770/2021, veniamo al cuore del problema. Posso inviare il Modello 770/2021 in ritardo? La risposta è positiva. C’è infatti un termine di 90 giorni dalla scadenza ordinaria entro cui è consentito un invio tardivo del 770/2021. Il termine di riferimento diventa dunque il 31 gennaio 2022.

La tardività dell’invio si può sanare con il versamento di una sanzione pari a 25 euro per ogni Modello 770/2021 trasmesso in questa finestra di 90 giorni. La sanzione può essere versata con F24, utilizzando il codice tributo 8911 e indicando come anno di riferimento 2021. Anche la sanzione va pagata entro il 31 gennaio 2022.

Superato il suddetto termine di 90 giorni senza aver inviato il Modello 770/2021, per lo stesso si realizza la fattispecie di omessa dichiarazione. In tal caso – e considerando interamente versate le ritenute operate ai percipienti, perché in caso contrario scatterebbe un ulteriore e diverso regime sanzionatorio – la “dimenticanza” dell’invio comporta una sanzione amministrativa compresa fra 250 e 2000 euro.

Se invece la dichiarazione omessa è stata presentata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo, la sanzione sarà compresa fra 150 e 500 euro.

Leggi di più: Ravvedimento operoso 2021: le nuove regole

Invio tardivo 770/2021 integrativo

Caso completamente diverso è quello in cui il Modello 770/2021 sia stato regolarmente presentato nei termini previsti (2 novembre 2021 o, con pagamento della sanzione, 31 gennaio 2022), ma necessita di una correzione per via dell’inserimento di dati inesatti. La trasmissione del Modello 770/2021 integrativo può avvenire fino:

  • al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stato presentato il modello da correggere, se l’Agenzia delle Entrate non effettua controlli;
  • al minor termine interrotto da un eventuale controllo dell’Amministrazione Finanziaria.

Nel caso di invio tardivo di un Modello 770/2021 integrativo, per quanto riguarda il regime sanzionatorio, è prevista:

  • nessuna sanzione, se l’integrativa non rappresenta un maggior importo delle ritenute dichiarate (questo quindi vale anche nel caso in cui si correggano dati meramente formali);
  • se l’integrativa riporta maggiori ritenute rispetto a quelle inizialmente dichiarate, una sanzione che va dal 90% al 180% dell’importo delle ritenute non versate riferibili alla differenza, con un minimo di 250 euro.

Leggi di più: Fondo di Solidarietà per le Attività Professionali: cos’è e come funziona

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più