Green Pass: le regole in vigore dal 6 agosto 2021

di Francesco Aquilino
Green Pass

Il Governo proroga lo stato di emergenza e introduce l’utilizzo del Green Pass. Dal 6 agosto l’accesso a diverse attività sarà possibile solo con la certificazione verde. Ecco il dettaglio delle nuove regole introdotte.

Nel corso di una conferenza stampa tenuta dal Presidente del Consiglio Draghi con i ministri Speranza e Cartabia è stato presentato il nuovo decreto che introduce l’ormai noto Green Pass. L’incalzare della variante Delta, nonostante il sempre crescente numero di persone vaccinate, ha spinto all’introduzione del Certificato Verde. Il tutto anche al fine di scongiurare nuove chiusure di massa.

Le nuove regole saranno in vigore dal 6 agosto 2021. Lo svolgimento di diverse attività sarà consentito solo a chi è in possesso del Green Pass. Per evitare di commettere errori (previste anche sanzioni per chi non si adegua), ecco il riepilogo di quanto annunciato nel comunicato stampa del Consiglio dei Ministri.

Leggi di più: Cashback: sospensione per il secondo semestre 2021

Green Pass: di cosa si tratta

La possibilità di accedere a determinati luoghi ed eventi è dunque rimessa al possesso del Green Pass. La certificazione verde è rilasciata a chi:

  • ha ricevuto la somministrazione della prima dose di vaccino da almeno 15 giorni, per essere poi aggiornato entro 48 ore dalla seconda somministrazione (validità 9 mesi);
  • è guarito dall’infezione da Covid-19 (validità 6 mesi);
  • è risultato negativo ad un tampone molecolare o antigenico rapido (validità 48 ore).

Cosa è possibile fare solo in possesso di Green Pass?

Dal 6 agosto 2021 il Green Pass sarà necessario per accedere a:

  • ristoranti con consumo al tavolo al chiuso;
  • spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;
  • musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  • piscine, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  • sagre e fiere, convegni e congressi;
  • centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione;
  • attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  • concorsi pubblici.

Sono previste delle eccezioni per i bambini. Infatti, l’accesso a luoghi ed eventi è consentito agli under 12 anche senza Green Pass.

Il possesso del Green Pass deve essere verificato dai gestori dei servizi e delle attività interessate. Esercenti ed utenti che non rispettano le prescrizioni possono ricevere una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro.

Come ottenere la Certificazione verde

La certificazione può essere scaricata dopo aver ricevuto via sms o mail il codice di avvenuta vaccinazione. Essa è disponibile su:

  • l’AppImmuni;
  • l’App IO;
  • il sito www.dgc.gov.it, accedendo con Tessera sanitaria, Spid o CIE;
  • il Fascicolo Sanitario Elettronico Regionale.

Chi, pur possedendo i requisiti, non ha ricevuto il codice via sms o via mail, può comunque trovare la certificazione accedendo con Spid o CIE sul sito www.dgc.gov.it o sull’App IO.

Nuovi criteri per zona bianca, gialla, arancione e rossa

In base alle nuove previsioni restano in zona bianca le regioni:

  • con incidenza settimanale dei contagi inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive;
  • che pur avendo un’incidenza settimanale superiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti hanno un tasso di occupazione dei posti letto in area medica uguale o inferiore al 15% o, in alternativa, un tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva uguale o inferiore al 10%.

Il mancato rispetto dei numeri appena esposti comporta il passaggio in zona gialla. Restano in zona gialla le regioni:

  • con incidenza settimanale dei contagi inferiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive;
  • che pur avendo un’incidenza settimanale superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti hanno un tasso di occupazione dei posti letto in area medica uguale o inferiore al 30% o, in alternativa, un tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva uguale o inferiore al 20%.

Superati i limiti previsti per la zona gialla si passa in zona arancione. Si ha invece il passaggio in zona rossa laddove contemporaneamente:

  • l’incidenza settimanale dei contagi sia pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti;
  • il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 sia superiore al 40%;
  • il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19 sia superiore al 30%.

Le misure per spettacoli culturali ed eventi sportivi

Gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente:

  • in zona bianca o gialla;
  • con posti a sedere preassegnati;
  • a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale;
  • consentendo l’accesso ai soli soggetti muniti di Green Pass.

I limiti di capienza per gli spettacoli culturali sono:

  • in zona bianca non superiore al 50% di quella massima autorizzata all’aperto e al 25% al chiuso nel caso di eventi con un numero di spettatori superiore rispettivamente a 5.000 all’aperto e 2.500 al chiuso;
  • in zona gialla non superiore al 50% di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 2.500 per gli spettacoli all’aperto e a 1.000 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala.

Per gli eventi sportivi i limiti di capienza sono pari:

  • in zona bianca al 50% di quella massima autorizzata all’aperto e al 25% al chiuso;
  • in zona gialla al 25% di quella massima autorizzata e, comunque, il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 2.500 per gli impianti all’aperto e a 1.000 per gli impianti al chiuso.

Leggi di più: Proroga Superbonus confermata dall’approvazione del PNNR

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più