Consulenze fiscali Superbonus 110%: le agevolazioni

di Alessandro De Adamo
consulenze fiscali superbonus 110%

L’Elenco delle spese fiscali rientranti nel Superbonus 110%. In tal senso si è espressa la Fondazione Nazionale dei Commercialisti ed Esperti Contabili, dato che il MISE nulla ha detto in merito. Facciamo chiarezza pure su questo delicato punto.

L’art. 119 del D.L. 34/2020 (il c.d. Decreto Rilancio) ha istituito il Superbonus 110%. Il comma 15 dell’art. 119 ha esplicitato che rientrano tra le spese detraibili, per gli interventi di cui al presente articolo, quelle sostenute per il rilascio del visto di conformità. Ricordiamo, infatti, che il visto di conformità è necessario per cedere il credito fiscale o per godere dello sconto in fattura. Un ruolo importante, dunque, è giocato proprio dalle consulenze fiscali legate al Superbonus 110%.

La norma, però, non ha quantificato l’ammontare massimo della spesa detraibile. L’unico elemento chiaro è il fatto che questa spesa rientra nei massimali complessivi, ma senza godere di un massimale a sé stante.

Leggi di più: Lavori ammessi al Superbonus 110% per il 2021

Clicca su questo link e acquista la Guida completa e aggiornata sul Superbonus 110%: soluzione di casi pratici in Condominio!

Consulenze fiscali Superbonus 110%: il quadro normativo sulle spese

Occorre notare il fatto che il Decreto 6 Agosto 2020 del MISE (il c.d. Decreto Requisiti Tecnici), all’allegato A, ha fissato quali sono gli importi professionali massimi detraibili con esclusivo riferimento al lato tecnico e non a quello fiscale. Sicché la delimitazione qualitativa e quantitativa prevista dal Decreto attiene alle prestazioni del Geometra, dell’Architetto e dell’Ingegnere coinvolti nel progetto.

E per il Commercialista che succede? Il Decreto 6 Agosto 2020 del MISE (il c.d. Decreto Requisiti Tecnici) nulla specifica in tal senso neppure negli altri allegati.

Per ovviare a tale lacuna, la Fondazione Nazionale dei Commercialisti ed Esperti Contabili, ha pubblicato il 27 novembre 2020, un documento di ricerca, in cui sono stati individuati i compensi massimi detraibili relativi alla prestazione del Commercialista.

Leggi di più: Super Sismabonus: il concetto di Unità Strutturale

consulenze fiscali superbonus 110%

Superbonus 110%: le spese del consulente fiscale detraibili

Vediamo quanto costa un Commercialista per le pratiche del Superbonus 110%. Innanzitutto, con riferimento alla quantificazione del compenso professionale inerente le pratiche necessarie per agevolazioni relative al Superbonus, il sopra citato documento di ricerca fa presente che:

  • il compenso per l’opera svolta dai Dottori Commercialisti e dagli Esperti Contabili va determinato al momento dell’assunzione dell’incarico attraverso l’apposito mandato professionale;
  • in assenza di uno specifico riferimento a tariffe professionali, abrogate nel 2012, è possibile riferirsi al d.m. 140/2012 (parametri per la liquidazione in sede giurisdizionale dei compensi per le professioni regolamentate).

In secondo luogo, occorre suddividere la prestazione in due tronconi:

  • Attività di sviluppo e istruttoria (di fatto la c.d. consulenza fiscale): sull’ammontare delle detrazioni fiscali cui il cliente intente usufruire, il compenso è determinato in base alle seguenti aliquote minime e massime:
    • fino a 2.000.000 euro, dallo 0,75% al 1,00%;
    • sull’eccedenza oltre 2.000.000 euro, dallo 0,50% allo 0,75%.
  • Attività di rilascio dei visti di conformità: sull’ammontare delle detrazioni fiscali che il cliente intente cedere o scontare in fattura, il compenso è determinato in base alle seguenti aliquote minime e massime:
    • fino ad 1.000.000 euro, dallo 0,80% al 1%;
    • nello scaglione tra 1.000.000 euro e 3.000.000 euro, dallo 0,50% allo 0,70%;
    • sull’eccedenza oltre 3.000.000 euro, dallo 0,025% allo 0,050%.

Leggi di più: Consulenze tecniche Superbonus 110%: le agevolazioni

Altre indicazioni di legge sul compenso del Commercialista

Il tutto tenendo altresì conto di quanto riportato all’articolo 18 del d.m. 140/2012 in materia di maggiorazioni e riduzioni del compenso, ovvero:

  • per le pratiche di eccezionale importanza, complessità o difficoltà, ovvero per le prestazioni compiute in condizioni di particolare urgenza, al compenso del professionista può essere applicata una maggiorazione fino al 100% rispetto a quello altrimenti liquidabile;
  • nel caso in cui la prestazione può essere eseguita in modo spedito e non implica la soluzione di questioni rilevanti, al compenso del professionista può essere applicata una riduzione fino al 50% rispetto a quello altrimenti liquidabile.

Leggi di più: Consultazione fatture elettroniche: proroga al 30 giugno

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più