Cessione credito d’imposta locazioni: quando e come farlo

di Antonella Salzarulo
428 visualizzazioni
cessione credito d'imposta locazioni

Il Decreto Cura Italia e il Decreto Rilancio hanno introdotto alcune tipologie di crediti d’imposta per sostenere gli operatori colpiti dalle conseguenze dell’emergenza da Covid-19. In questo articolo analizzeremo la cessione del credito d’imposta locazioni ad uso non abitativo.

L’introduzione di un credito d’imposta locazioni ad uso non abitativo costituisce un importante intervento a sostegno di imprese, professionisti ed enti non commerciali. In questo articolo vedremo come funziona la cessione del credito d’imposta locazioni.

Leggi di più: Credito d’imposta canoni di locazione nel Decreto Rilancio

Beneficiari del credito d’imposta locazioni

Il testo del decreto specifica quali sono i soggetti esclusi dalla fruizione del credito d’imposta, ovvero gli appartenenti alle categorie sopracitate che abbiano superato i 5 milioni di euro di ricavi o compensi nell’ultimo periodo d’imposta (limite che invece non vale con riferimento a strutture alberghiere e agrituristiche). Mentre, per quanto riguarda i beneficiari, tre sono i requisiti da rispettare per poter ottenere il credito d’imposta locazioni ad uso non abitativo:

  • uno soggettivo (vedi paragrafo precedente);
  • uno oggettivo: il beneficio si può ottenere con riguardo ad immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività:
    • industriale;
    • commerciale;
    • artigianale;
    • agricola;
    • di lavoro autonomo (svolta professionalmente e abitualmente);
    • di interesse turistico;
    • istituzionale di enti non commerciali;
  • uno economico: il beneficio può essere goduto solo per i mesi in cui si è registrata una riduzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo di imposta precedente.

Leggi di più: Codici Ateco Decreto Ristori: chi ha diritto al contributo?

Modalità di utilizzo del credito

Il credito può essere:

  • utilizzato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui è sostenuta la spesa, così da abbattere in dichiarazione l’eventuale debito d’imposta;
  • utilizzato in compensazione, per ridurre in F24 il peso di tributi o contributi;
  • ceduto.

Leggi di più: Autocertificazione PDF: quando devo usarla?

Cessione del credito d’imposta sulle locazioni

I beneficiari del credito d’imposta per botteghe e negozi oppure del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda che scelgono di cedere il credito devono comunicare l’avvenuta cessione entro il 31 dicembre 2021, esclusivamente attraverso il servizio web messo a disposizione all’interno dell’area riservata dell’Agenzia delle Entrate.

Anche i soggetti che hanno ricevuto il credito (e tra questi  anche gli istituti di credito e altri intermediari finanziari) devono comunicare l’accettazione sempre all’interno dell’area autenticata. Dal giorno lavorativo successivo alla comunicazione della cessione, possono quindi:

  • utilizzare il credito in compensazione tramite F24;
  • oppure cederlo a loro volta ad altri soggetti entro il 31 dicembre dell’anno in cui è stata comunicata la cessione. Ma attenzione! Oltre questo termine, la quota non compensata non potrà essere utilizzata negli anni successivi, né essere richiesta a rimborso o ulteriormente ceduta.

Leggi di più: Seconda rata IMU 2020 cancellata nel Decreto Ristori

Procedura online

In questo articolo analizzeremo i passaggi da seguire per accedere al servizio web e comunicare la cessione del credito d’imposta locazioni ad uso non abitativo. Nello specifico:

A questo punto per comunicare la cessione del credito d’imposta basterà seguire la procedura guidata ed indicare:

  • i dati relativi al credito;
  • gli estremi di registrazione dei contratti;
  • l’autorizzazione all’Agenzia delle Entrate a rendere visibili ai cessionari e ai loro incaricati del trattamento dei dati le informazioni relative ai dati anagrafici del cedente (cognome, nome, luogo e data di nascita e codice fiscale).

Leggi di più: Cassetto Fiscale: come accedere al servizio

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più