Regime Forfettario 2022 per le Partite IVA: Guida completa

di Michele Aquilino
regime forfettario 2022

Vuoi avviare una nuova attività? Hai già una Partita Iva e vuoi risparmiare sulle tasse? Il Regime Forfettario può essere una grossa opportunità. Ecco requisiti, cause di esclusione, limiti e vantaggi del Regime Forfettario per l’anno 2022.

Introdotto dalla Legge di Bilancio 2015 (L. 190/2014), il Regime Forfettario è un regime fiscale alternativo all’IRPEF. Si tratta di un regime riservato solo a professionisti e imprese individuali, quindi non riguarda le società. Sei un professionista o un piccolo imprenditore? Sei nel posto giusto per scoprire come funziona il Regime Forfettario per l’anno 2022. Vediamo insieme:

  • quali sono i requisiti di accesso;
  • cause di esclusione dal Regime Forfettario 2022;
  • come si calcolano le tasse nel Regime Forfettario 2022;
  • quali sono i vantaggi del Regime Forfettario;
  • il punto sulla fatturazione elettronica.

Leggi di più: Spese detraibili nel Regime forfettario: le regole vigenti

Quali sono i requisiti di accesso?

La Legge n. 160 del 27 dicembre 2019 (Legge di Bilancio 2020) ha modificato non poco il Regime Forfettario, ridisegnando l’attuale disciplina. Questo regime fiscale, infatti, era stato introdotto nel 2014 ma ha subìto importanti variazioni negli anni. Le modifiche più rilevanti hanno riguardato i requisiti di accesso. Ad oggi, infatti, è stato reintrodotto il limite alle spese per il personale: non puoi aver sostenuto, nel 2021, spese per lavoro accessorio, dipendenti e collaboratori per più di 20.000 euro lordi.

Un altro limite riguarda i redditi di lavoro dipendente e assimilati (pensioni comprese) percepiti nel 2021. Essi infatti non devono aver superato i 30.000 euro lordi per chi vuole accedere al Regime Forfettario.

È rimasto invariato il requisito relativo al fatturato: non devi aver avuto compensi superiori a €65.000 nel 2021. Ovviamente, se avvii quest’anno la tua attività, rispetterai in ogni caso il requisito. E se nel 2022 superi i €65.000? Non preoccuparti, perdi il Regime Forfettario solo dall’anno prossimo, mentre conservi tutti i benefici per l’anno in corso.

Quest’ultimo è un principio valido per tutti i requisiti di accesso. Soglia di fatturato, spese per il personale e redditi di lavoro dipendente, qualora vengano superati, non determinano l’uscita dal regime per l’anno in corso ma a partire dall’anno successivo.

Non sono previsti requisiti relativi ai beni strumentali. Di conseguenza, non hai limiti al possesso di attrezzature, macchinari o quant’altro ti serva per svolgere il tuo lavoro, a prescindere dal loro valore economico.

Leggi di più: Fuoriuscita dal Regime Forfettario: quali sono le conseguenze?

Cause di esclusione dal Regime Forfettario 2022

Per sapere se puoi godere del Regime Forfettario, non basta guardare i requisiti di accesso. Devi fare attenzione, infatti, a non incorrere in una delle cause di esclusione. Queste si differenziano dai requisiti di accesso perché non consentono in alcun modo l’accesso al regime. Ce ne sono diverse. Sono in ogni caso esclusi dal regime forfettario:

  • i soggetti con regimi Iva speciali o regimi forfettari di determinazione del reddito;
  • i non residenti, tranne residenti in Paesi UE o paesi aderenti all’Accordo SEE che producono almeno il 75% del reddito in Italia;
  • i soggetti che effettuano, in via esclusiva o prevalente, cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili o di mezzi di trasporto nuovi;
  • coloro che partecipano a società di persone, associazioni professionali o imprese familiari;
  • i soggetti che hanno il controllo, diretto o indiretto, di SRL o associazioni in partecipazione che svolgono attività riconducibili a quella svolta con la Partita Iva in Regime Forfettario;
  • i soggetti che svolgono l’attività prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con cui sono in corso rapporti di lavoro o sono intercorsi negli ultimi due periodi d’imposta.

Leggi di più: Il Regime Forfettario per i soci di SRL

Come si calcolano le tasse nel Regime Forfettario 2022?

La base imponibile che serve per calcolare le tasse nel Regime Forfettario dipende dal fatturato, cioè dal totale dei tuoi compensi. Sul fatturato infatti si applica un coefficiente di redditività, che è legato al tipo di attività che svolgi, in particolare al tuo Codice Ateco. Applicando il coefficiente al tuo fatturato, ottieni il tuo reddito, su cui calcolare le tasse da pagare. Come avrai capito, i costi sono forfettizzati, quindi per assurdo potresti abbattere la tua base imponibile più di quanto faresti considerando analiticamente i tuoi costi, oppure questo potrebbe penalizzarti. Dipende dai casi.

regime forfettario 2022

Una volta calcolato il tuo reddito, devi applicare ad esso l’aliquota prevista per il Regime Forfettario nell’anno 2022. L’aliquota proporzionale, anche detta flat tax, è del 15%. Nel caso di nuove attività, mai svolte in precedenza, questa si riduce addirittura al 5% per i primi 5 anni. Come vedi, si tratta di una tassazione molto agevole, soprattutto se paragonata a quella relativa al regime ordinario. Alle imposte sul reddito, comunque, vanno aggiunti anche i contributi previdenziali, che possono essere relativi alla tua cassa professionale, alla Gestione Separata INPS o alla Gestione INPS per Artigiani e Commercianti.

Nello specifico ci si trova di fronte ad una nuova attività, che può dunque applicare l’aliquota ridotta al 5%, quando:

  • il contribuente non ha esercitato, nei tre anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare;
  • l’attività da intraprendere non costituisce, in nessun modo, mera prosecuzione di altra precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo.

L’aliquota al 5% è ammessa anche in caso di prosecuzione di attività svolta in precedenza da un altro soggetto, fermo restando il rispetto dei requisiti di accesso al regime.

Leggi di più: Riduzione dei contributi INPS nel Regime Forfettario

Quali sono gli altri vantaggi?

I vantaggi del Regime Forfettario non finiscono qui. Oltre ad un’aliquota bassissima, ci sono tanti altri benefici. Vediamoli uno ad uno:

  • totale esonero dagli adempimenti Iva, come dichiarazione annuale, liquidazioni periodiche, versamento dell’imposta, inserimento dell’Iva in fattura (unica eccezione: numerazione progressiva e conservazione delle fatture e dei corrispettivi);
  • non si subiscono né si operano ritenute alla fonte, tranne che sul compenso dei dipendenti;
  • totale esonero dagli ISA;
  • nessun obbligo di registrazione e tenuta delle scritture contabili;
  • esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica (che per alcuni decade dal 1° luglio 2022).

Proprio in tema di fattura elettronica, tuttavia, ricordiamo che chi utilizza esclusivamente la fatturazione elettronica ha uno sconto di un anno sul periodo in cui si può subire accertamento dall’Agenzia delle Entrate (si scende da 5 a 4 anni).

Leggi di più: Calcolo Tasse Regime Forfettario in tempo reale

Regime Forfettario 2022 e Fattura Elettronica

Una domanda è stata proposta e riproposta nei primi giorni di quest’anno: i forfettari devono fare la fattura elettronica? La risposta, per il momento, è: no, i contribuenti in Regime Forfettario non sono tenuti ad emettere fatture elettroniche. Sebbene, infatti, ci siano stati degli sviluppi in tal senso nella normativa UE, ad oggi un obbligo generalizzato per i forfettari non è stato previsto in nessuna norma italiana.

Vale comunque la pena di fare alcune considerazioni su questo tema, che possono aiutare il contribuente a fare una scelta più consapevole in tal senso:

  • le fatture verso le Pubbliche Amministrazioni devono essere obbligatoriamente elettroniche, come previsto già da anni;
  • le fatture verso i privati possono essere ancora emesse con formato e modalità tradizionali, ma è bene sapere che si tratta di una soluzione verosimilmente destinata a scomparire del tutto (l’obbligo, presto o tardi, arriverà);
  • come già accennato, chi opta per la fatturazione elettronica ha un anno di “sconto” sulle operazioni di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, ma… ha senso questo beneficio nel momento in cui AdE ha a disposizione i dati delle operazioni attive già nell’immediato grazie alla fattura elettronica?

Leggi di più: Come fare la fattura nel Regime Forfettario

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più