Incentivi Auto e Moto sugli acquisti fatti dal 16 maggio

di Michele Aquilino
incentivi auto e moto

Circa 2 miliardi messi sul piatto dal Governo per sostenere la transizione ecologica: incentivi all’acquisto di auto e moto green. Il portale del Ministero sarà attivo dal 25 maggio, ma l’agevolazione vale sugli acquisti fatti già dal 16 maggio.

È scattata l’ora degli incentivi all’acquisto di auto e moto “ecologiche”. Lo prevede il dpcm firmato da Mario Draghi in occasione del Consiglio dei Ministri dello scorso 6 aprile. 650 milioni all’anno per il 2022, il 2023 e il 2024 finalizzati a sostenere l’acquisto di auto e moto più green.

Un impegno complessivo da circa 2 miliardi in 3 anni, che si inserisce nell’ambito degli 8,7 miliardi di euro destinati fino al 2030 al Fondo automotive. Una misura diversificata per privati cittadini e imprese in base alla tipologia del veicolo. Ricordiamo inoltre che la piattaforma del MiSE, gestita da Invitalia, sarà attiva dal 25 maggio. Ciononostante, godono degli incentivi tutti gli acquisti fatti dal 16 maggio, a patto ovviamente di avere i requisiti previsti.

Leggi di più: Decreto PNRR 2 in Gazzetta Ufficiale: scarica il pdf

Incentivi auto e moto: i mezzi ammessi alle agevolazioni

Per comprendere meglio quanto previsto dal Governo, andiamo a definire le categorie di mezzi oggetto dell’incentivo. Per quanto riguarda gli autoveicoli:

  • M1: i veicoli con almeno quattro ruote, progettati e costruiti per il trasporto di persone, aventi al massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente. Si tratta delle autovetture e, più in generale, degli autoveicoli per il trasporto di persone con almeno quattro ruote e un numero totale di posti a sedere non superiore a 9;
  • N1: veicoli progettati e costruiti per il trasporto di cose, aventi massa massima non superiore a 3,5 t. Si tratta degli autocarri leggeri e, più in generale, degli autoveicoli per il trasporto di cose con almeno quattro ruote e con un numero totale di posti a sedere non superiore a 9.
  • N2: veicoli progettati e costruiti per il trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 3,5 t ma non superiore a 12 t.

Per quanto riguarda invece le moto, sono ricompresi nelle agevolazioni tutti i ciclomotori e i motoveicoli (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e).

Leggi di più: Obbligo Fattura Elettronica Forfettari: il via dal 1° luglio 2022

incentivi auto e moto

A quanto ammonta l’incentivo?

Vediamo di seguito la misura degli incentivi previsti. Questa varia in base alle tipologie di mezzi e di soggetti richiedenti.

Acquisto di veicoli da parte di persone fisiche

Per i privati, la misura dell’agevolazione varia in base alle seguenti fasce di emissioni:

  • 0-20 g/km (elettriche): con un prezzo fino a 35 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 3 mila euro, a cui potranno aggiungersi ulteriori 2 mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 220 milioni nel 2022, 230 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024;
  • 21-60 g/km (ibride plug – in): con un prezzo fino a 45 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2 mila euro a cui potranno aggiungersi ulteriori 2 mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 225 milioni nel 2022, 235 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024;
  • 61-135 g/km (endotermiche a basse emissioni): con un prezzo fino a 35 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2 mila euro se è contestualmente rottamata unauto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 170 milioni nel 2022, 150 milioni nel 2023 e 120 milioni nel 2024.

Leggi di più: Bonus Box Auto 2022: guida completa e interessanti novità

Acquisto di veicoli da parte di PMI del settore trasporti

In favore di piccole e medie imprese, sia in forma individuale che societaria, esercenti attività di trasporto di cose in conto proprio o in conto terzi, sono inoltre previsti contributi al verificarsi di due condizioni:

  • acquisto di veicoli commerciali di categoria N1 e N2, nuovi di fabbrica, ad alimentazione esclusivamente elettrica;
  • contestuale rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 4.

In questi casi, l’importo dell’incentivo ammonta a:

  • 4.000 euro per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate;
  • 6.000 euro per i veicoli N1 superiori a 1,5 tonnellate e fino a 3,5 tonnellate;
  • 12.000 euro per i veicoli N2 da 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate;
  • 14.000 euro per i veicoli N2 superiori a 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate.

Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 15 milioni nel 2023 e 20 milioni nel 2024.

Acquisto di ciclomotori e motocicli

Due tipologie di incentivo per l’acquisto di ciclomotori e motocicli:

  • elettrici e ibridi: contributo del 30% del prezzo di acquisto fino al massimo di 3 mila euro e del 40% fino a 4000 mila euro se viene rottamata una moto in una classe da Euro 0 a 3. Questo ecobonus è finanziato con 15 milioni di euro per gli anni 2022, 2023 e 2024;
  • termici: è invece previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d’acquisto e fino a 2500 euro con rottamazione. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 5 milioni nel 2023 e 5 milioni nel 2024

Leggi di più: Sanzioni POS: ufficiale l’anticipo al 30 giugno 2022

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più