Contributi Inarcassa 2021: costi, adempimenti e scadenze

di Francesco Aquilino
contributi inarcassa 2021

Sei un ingegnere o un architetto appena abilitato? A breve dovrai fare i conti con i contributi Inarcassa, quelli che ti garantiranno la pensione. Non hai idea degli step da seguire per rispettare le regole della Cassa? Tranquillo, leggi questa breve guida per non sbagliare. Ecco gli importi aggiornati per il 2021.

Anni di studio e sacrificio sui libri, un esame di abilitazione superato e finalmente tutto sembra pronto per poter cominciare a lavorare. In effetti è vero, ci sei quasi, ma ti mancano ancora pochi piccoli passaggi per metterti in regola. Dopo l’apertura della Partita Iva da Ingegnere o Architetto, devi regolare il tuo rapporto con la Cassa di previdenza. Sarà quindi fondamentale capire come funzionano i contributi Inarcassa per il 2021 e, in particolare, quando, quanto e come bisogna pagarli.

Iscrizione a Inarcassa e obblighi dichiarativi

L’iscrizione a Inarcassa è obbligatoria quando si verificano determinate condizioni:

  • iscrizione all’Albo;
  • assenza di un’altra contribuzione obbligatoria in atto;
  • possesso di una Partita Iva (oppure partecipazione a un’associazione tra professionisti o a una società tra professionisti).

In questo caso, sarai obbligato a iscriverti e puoi farlo in due modi:

Una volta iscritto, ogni anno dovrai comunicare a Inarcassa il reddito professionale conseguito nell’anno precedente. Questo serve per il calcolo dei contributi. Puoi farlo presentando la Comunicazione Annuale Obbligatoria. La scadenza per la presentazione è il 31 ottobre di ogni anno (per il 2021 il termine slitta a martedì 2 novembre). A partire dal 2021, nella Comunicazione Annuale Obbligatoria è richiesto di indicare la PEC o la variazione della stessa.

Gli eredi degli iscritti deceduti sono tenuti a presentare la Comunicazione Annuale entro 12 mesi dal decesso. Entro lo stesso termine dovranno anche versare quanto dovuto dal defunto per il periodo di riferimento.

Leggi di più: Codice Ateco per Ingegnere: scegli quello giusto

Quanto costano i contributi Inarcassa 2021?

Per rispondere a questa domanda bisogna capire innanzitutto che esistono 4 tipologie di contributi Inarcassa anche per l’anno 2021:

  • soggettivo;
  • facoltativo;
  • integrativo;
  • di maternità/paternità.

Contributo soggettivo

Nel 2021 sei tenuto a pagare il 14,5% del tuo reddito 2020, fino ad un reddito massimo di 125.000 euro. Ad ogni modo il contributo minimo obbligatorio per il 2021 è pari a 2.360 euro (nel 2020 era pari a 2.355 euro). Il contributo si paga in base ai mesi effettivi di iscrizione, dove la mensilità scatta anche con un solo giorno di iscrizione. Ad esempio, chi non supera il contributo minimo e si iscrive il 31 maggio pagherà da maggio a dicembre, dunque 8 mesi: il totale da pagare sarà dunque pari a 2.360 euro diviso 12 e moltiplicato per 8 (1.573 euro).

Questo contributo è interamente deducibile, ossia si può portare a riduzione del reddito che sarà tassato.

Contributo facoltativo

Si tratta di un versamento non obbligatorio. L’iscritto è libero di scegliere se versarlo per aumentare l’importo della propria pensione. L’importo da versare può essere stabilito fra l’1% e l’8,5% del reddito dell’anno precedente, ma per il 2021 deve essere necessariamente compreso fra i 210,00 euro e i 10.625,00 euro.

Questo contributo si può versare dopo la presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno di riferimento (es. presentazione dichiarazione per redditi 2020 il 20/10/2021: si potrà pagare a partire dal 21/10/2021), ma sempre entro la fine dell’anno (quindi non oltre il 31/12/2021, per rimanere nell’esempio). Anche questo contributo è interamente deducibile.

Contributo integrativo

Si tratta di un contributo pari al 4% del volume di affari (fatturato totale) che può essere addebitato in fattura al cliente. Si tratta di una tua libera scelta. Se durante l’anno hai ricevuto fatture da altri iscritti ad Inarcassa, in cui era addebitato il contributo integrativo del 4%, puoi scomputare queste somme dal contributo dovuto alla Cassa. È dovuto comunque un contributo minimo, a prescindere dall’effettivo ammontare del 4% del volume di affari, che per il 2020 è pari a 705 euro. Anche questo contributo minimo si paga in base ai mesi effettivi di iscrizione.

Il contributo integrativo non costituisce reddito e pertanto non è deducibile. Esso infatti rappresenta solamente un debito verso Inarcassa.

Contributo di maternità/paternità

Il contributo deve essere versato, insieme ai minimi soggettivo e integrativo, in due rate il 30 giugno e il 30 settembre di ogni anno. Gli importi delle due rate per il 2021 sono i seguenti:

  • 22,00 euro entro il 30 giugno;
  • 31,00 euro entro il 30 settembre.

L’importo totale del contributo di maternità/paternità per il 2021 è dunque pari a 53,00 euro.

Il contributo è frazionabile in dodicesimi in relazione agli effettivi mesi di iscrizione ed è interamente deducibile ai fini fiscali.

Leggi di più: Codice Ateco per Architetto: scegli quello giusto

contributi inarcassa 2021

Agevolazioni per i neo-iscritti

Particolari agevolazioni sono riservate ai nuovi iscritti ad Inarcassa. In particolare, i giovani Ingegneri e Architetti che si iscrivono o che si reiscrivono ad Inarcassa prima di aver compiuto i trentacinque anni di età beneficiano della riduzione contributiva per i primi cinque anni di iscrizione. Ma in cosa consiste la riduzione? I vantaggi previsti sono:

  • contributo soggettivo minimo ridotto ad 1/3 (786,70 euro nel 2021) e riduzione della relativa aliquota al 7,25% (rispetto al 14,5%);
  • contributo integrativo minimo ridotto ad 1/3 (235,00 euro nel 2021), senza riduzioni relative alle aliquote.

Inoltre, il vantaggio della riduzione contributiva può essere duplice. Infatti, dopo almeno 25 anni (anche non consecutivi) di iscrizione e contribuzione intera ad Inarcassa viene riconosciuta una contribuzione figurativa che permette di raggiungere la contribuzione piena anche per gli anni di riduzione contributiva. Quindi, al risparmio nell’immediato si somma l’incremento del montante contributivo ai fini della pensione.

Clicca qui se vuoi conoscere importi e scadenze Inarcassa per il 2020

Contributi Inarcassa 2021: scadenze e modalità di versamento

I contributi Inarcassa possono essere pagati tramite MAV scaricabili direttamente nell’area riservata del sito. Se invece hai richiesto e ottenuto la rateazione bimestrale (6 rate all’anno) devi obbligatoriamente pagare tramite addebito diretto sul tuo conto corrente (SDD – Sepa Direct Debit). Se sei titolare di Inarcassa Card, infine, puoi pagare direttamente online tramite carta, senza commissioni.

N.B.: dal 2020, alle modalità di pagamento appena esposte se n’è aggiunta una quarta. Infatti, adesso è possibile versare i contributi Inarcassa anche con modello F24 (leggi l’approfondimento in fondo all’articolo).

Nel caso in cui avessi bisogno di maggiore liquidità per versare i contributi, Inarcassa in convenzione con Banca Popolare di Sondrio offre due possibilità. Potrai scegliere tra un finanziamento specifico per contributi previdenziali e un prestito personale. Di seguito puoi scaricare i fogli di sintesi forniti da Inarcassa sulle due modalità di credito.

Per evitare di incorrere in ritardi e sanzioni devi tenere a mente ogni anno 3 date fondamentali:

  • 30 giugno: versamento della prima rata dei contributi minimi e del contributo di maternità per l’anno in corso;
  • 30 settembre: versamento della seconda rata dei contributi minimi e del contributo di maternità per l’anno in corso;
  • 31 dicembre: versamento del conguaglio (se dovuto) relativo all’anno precedente e versamento dell’eventuale contributo facoltativo.

Ricorda che se vuoi aprire e gestire online la tua Partita Iva, non devi fare altro che candidarti sul nostro sito per trovare un Commercialista online dedicato ed esperto sul tuo caso!

NOVITÀ 2020: Contributi Inarcassa: dal 2020 possibile pagarli con F24

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più