Contributi Inarcassa: dal 2020 possibile pagarli con F24

di Francesco Aquilino
contributi inarcassa

Una diversa modalità di pagamento per i Contributi Inarcassa. Dal 1° giugno 2020 Ingegneri e Architetti possono pagare i contributi tramite modello F24. Scopri le nuove causali contributo.

Con la Risoluzione 22/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate ha comunicato le nuove causali contributo per il pagamento dei Contributi Inarcassa tramite modello F24. Con l’istituzione delle nuove causali l’Agenzia dà di fatto seguito alla convenzione stipulata con Inarcassa il 27 novembre 2019. Scopri le nuove regole in vigore dal 1° giugno 2020.

Leggi di più: Bonus Aprile e Maggio 2020: beneficiari e importi

Contributi Inarcassa 2020: tipologie di contributo e scadenze

Lo statuto della Cassa di previdenza degli Ingegneri e degli Architetti prevede quattro diverse tipologie di contributo:

  • soggettivo, da pagare in proporzione al reddito prodotto nel corso dell’anno precedente;
  • facoltativo, da versare eventualmente per incrementare l’importo della propria pensione;
  • integrativo, addebitato in fattura al cliente e poi versato a Inarcassa;
  • di maternità/paternità, dovuto invece in misura fissa in base a quanto deliberato ogni anno.

Le scadenze da tenere a mente per i versamenti sono:

  • 30 giugno;
  • 30 settembre;
  • 31 dicembre.

Per scoprire nel dettaglio gli importi dovuti per l’anno 2020 e le regole sulla deducibilità dei contributi, leggi l’articolo dedicato al link che segue.

Leggi di più: Contributi Inarcassa 2020: adempimenti e scadenze

Le nuove regole sui pagamenti tramite F24

Come riportato sul sito di Inarcassa, vi sono tre diverse modalità di pagamento tra cui scegliere:

  • pagamento tramite MAV scaricabili direttamente nell’area riservata del sito;
  • nel caso in cui è stata richiesta la rateazione bimestrale (6 rate all’anno), pagamento tramite addebito diretto sul tuo conto corrente (SDD – Sepa Direct Debit);
  • infine, pagamento diretto online tramite carta, senza commissioni.

A queste tre modalità si aggiunge inoltre, dal 1° giugno 2020, il pagamento tramite modello F24. Proprio in questo senso l’Agenzia delle Entrate ha istituito dei nuovi codici da riportare nel campo causale contributo della sezione “Altri enti previdenziali e assicurativi”. Ecco di seguito le nuove causali:

  • E085, denominata “INARCASSA – contribuzione soggettiva minima”;
  • E086, denominata “INARCASSA – contribuzione soggettiva conguaglio”;
  • E087, denominata “INARCASSA – contribuzione integrativa minima”;
  • E088, denominata “INARCASSA – contribuzione integrativa conguaglio”;
  • E089, denominata “INARCASSA – contribuzione per maternità/paternità”;
  • E090, denominata “INARCASSA – contribuzione società di ingegneria”.

Nella compilazione del modello F24 si deve poi tener contro delle seguenti indicazioni:

  • compilare il campo codice ente con il codice “0011“;
  • non riportare nessun valore nei campi codice sede e codice posizione;
  • nel campo periodo di riferimento: da mm/aaaa a mm/aaaa indicare il mese e l’anno di competenza del contributo da versare nel formato “MM/AAAA”.

Leggi di più: Aprire Partita Iva da Ingegnere: costi e modalità

Leggi di più: Aprire Partita Iva da Architetto: quanto costa?

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più