Contributi ENPAPI 2021: la Guida completa

di Michele Aquilino
Contributi ENPAPI 2021

Sei un Infermiere e devi aprire la tua Partita IVA? A breve dovrai fare i conti con i contributi previdenziali, quelli che ti garantiranno la pensione. Non sai ancora quali sono gli adempimenti e le scadenze della Cassa Infermieri per il 2021? Tranquillo, leggi questa breve guida sui contributi ENPAPI 2021 per non sbagliare.

A conclusione del tuo percorso di formazione hai sostenuto con successo l’Esame di Stato. Finalmente sei abilitato e puoi lanciarti a pieno nel mondo del lavoro. Per non tralasciare nessuna opportunità lavorativa potrai procedere all’apertura della Partita IVA da Infermiere. Sarà quindi fondamentale capire come funzionano i contributi da versare alla Cassa Infermieri ENPAPI per il 2021, ovvero quanto, quando e come pagarli.

Iscrizione all’ENPAPI

Prima di capire come iscriversi, capiamo quando è necessario farlo. In tal senso è necessario distinguere fra:

  • professionisti;
  • collaboratori.

Una prima certezza, dunque, riguarda il fatto che gli infermieri che svolgono esclusivamente attività di lavoro dipendente non devono iscriversi all’ENPAPI. La relativa gestione previdenziale infatti fa capo all’INPS. Se invece affianchi al lavoro dipendente anche un’attività con Partita IVA (professionista) o con un co.co.co. (collaboratore), allora devi iscriverti all’ENPAPI.

Iscrizione professionisti

L’iscrizione alla Gestione Professionisti è obbligatoria per tutti gli infermieri, iscritti agli ordini provinciali, che esercitano attività libero professionale in forma individuale in qualità di:

  • titolari di partita IVA;
  • associati ad uno studio professionale;
  • soci di cooperativa sociale con rapporto di lavoro autonomo.

Come iscriversi? Basta inviare all’ENPAPI via PEC o raccomandata a/r:

La domanda di iscrizione, insieme al documento allegato, va trasmessa entro 60 giorni dall’inizio dell’attività professionale. In caso di invio tardivo, sono previste le seguenti sanzioni:

  • 20 euro se l’invio avviene fra il 61° e il 90° giorno successivo a quello di inizio dell’attività;
  • 100 euro dal 91° giorno successivo in poi.

Leggi di più: Aprire Partita IVA Infermiere: quanto costa e come si fa

Iscrizione collaboratori

L’iscrizione alla Gestione Separata è obbligatoria per tutti gli infermieri, iscritti agli Albi provinciali, che svolgono l’attività libero professionale con le seguenti modalità:

  • titolari di rapporto di collaborazione coordinata e continuativa (art. 409 c.p.c.);
  • titolari di prestazioni di lavoro autonomo occasionale (artt. 2222 e sgg.);
  • componenti gli organi di amministrazione e controllo di Studi Associati e Cooperative;
  • componenti gli organi di amministrazione e controllo degli Ordini professionali.

Come iscriversi? Basta inviare all’ENPAPI:

Modalità e scadenze per l’iscrizione sono le stesse viste per i professionisti.

Iscrizione azienda/committente

Anche il committente che beneficia delle prestazioni dell’infermiere collaboratore deve registrarsi presso l’ENPAPI. Sarà altrimenti impossibile la registrazione della posizione del collaboratore presso la Gestione Separata ENPAPI. Per registrarsi, il committente deve trasmettere all’Ente, via PEC o raccomandata a/r:

  • il modulo di registrazione committente (che puoi scaricare cliccando qui);
  • la copia fronte/retro di un documento di identità valido:
    • del legale rappresentante (per aziende private);
    • del dirigente responsabile (per le Pubbliche Amministrazioni).

In ogni caso, una volta completata l’iscrizione, si riceverà la CARD servizi ENPAPI, che sarà indispensabile per la corretta gestione delle operazioni da effettuare tramite la propria area riservata.

Leggi di più: Liberi professionisti con co.co.co.: il corretto trattamento fiscale

Obblighi dichiarativi per gli iscritti ENPAPI

Per poter calcolare correttamente i contributi, ogni anno bisogna trasmettere, tramite l’area riservata, il Modello UNI. La trasmissione è obbligatoria ogni anno, ossia anche quando la dichiarazione dei redditi:

  • non è stata presentata;
  • presenta un risultato negativo o pari a zero.

La scadenza per la presentazione è al 10 settembre di ogni anno. Al fine di comunicare i dati reddituali 2020, nonchè di calcolare i relativi contributi per lo stesso anno, bisogna effettuare la comunicazione reddituale entro il 10 settembre 2021.

Una volta entrato nell’area riservata – inserendo il tuo codice fiscale e i numeri mancanti attraverso l’ausilio della CARD servizi ENPAPI -, dovrai selezionare la voce “Dati reddituali” nel menù all’interno del cassetto previdenziale.

Contributi ENPAPI 2021

Quanto costano i contributi ENPAPI 2021? Aliquote 2021 della Cassa Infermieri

I contributi dovuti alla Cassa Infermieri nel 2021 si dividono in due categorie principali:

  • contributi soggettivi;
  • contributi integrativi.

Contributo soggettivo

Ogni iscritto paga un contributo soggettivo variabile del 16% sul reddito professionale netto. Il contributo minimo comunque dovuto è pari a 1.600,00 euro per il 2021.

Gli iscritti già titolari di trattamento pensionistico godono di una riduzione del 50% sul contributo soggettivo (anche sul minimale, che dunque è pari a 800 euro). La riduzione del 50%, ma solo del contributo minimo, è prevista anche nei seguenti casi:

  • sospensione dell’attività professionale per almeno sei mesi continuativi nel corso dell’anno solare;
  • età inferiore ai 30 anni;
  • primi quattro anni di iscrizione (per i titolari di partita IVA).

Agevolazioni anche per chi svolge, oltre all’attività professionale, attività di lavoro dipendente. La riduzione è:

  • del 50%, per chi ha un lavoro part-time con orario inferiore o pari alla metà del tempo pieno;
  • del 100%, per chi ha un lavoro part-time con orario superiore alla metà del tempo pieno.

È possibile anche versare di più, fino al 23%, al fine di aumentare il proprio montante contributivo e dunque la pensione.

Contributo integrativo

È obbligatorio applicare in fattura una maggiorazione del 4% rispetto al proprio compenso. Questa somma, addebitata dunque al cliente/committente, rappresenta il contributo integrativo che bisogna versare all’ENPAPI.

In ogni caso, va versato un contributo integrativo minimo pari a 150 euro per il 2021.

Leggi di più: Prestazioni occasionali vietate per iscritti ad Albi professionali

Come e quando si versano i contributi ENPAPI per il 2021?

Per versare i contributi all’ENPAPI nel 2021, bisogna tenere a mente 6 scadenze nel corso dell’anno, ossia giorno 10 dei seguenti mesi:

  • febbraio: 1^ rata acconto;
  • aprile: 2^ rata acconto;
  • giugno: 3^ rata acconto;
  • agosto: 4^ rata acconto;
  • ottobre: 5^ rata acconto;
  • dicembre: saldo.

L’ammontare di ognuna delle prime 5 rate è dato dalla somma dei seguenti importi:

  • 20% del contributo soggettivo minimo;
  • 18% del contributo soggettivo calcolato sul reddito professionale presunto ovvero sull’ultimo reddito disponibile;
  • 20% del contributo integrativo minimo;
  • 18% del contributo integrativo calcolato sul volume d’affari presunto ovvero sull’ultimo volume d’affari disponibile;
  • 20% del contributo di maternità.

La sesta ed ultima rata – a saldo – è ottenuta sommando la differenza tra la contribuzione dovuta e quanto versato a titolo di acconto nelle prime cinque rate.

Come pagare i contributi? Sono consentite 3 modalità:

  • PagoPA;
  • F24;
  • Carta di credito CARTA ENPAPI.

Se vuoi pagare con F24, scarica la tabella con i codici tributo cliccando qui.

Leggi di più: Codice Ateco Infermiere: scegli quello giusto

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più