Contributi ENPAM: la Guida completa per il 2020

di Michele Aquilino
contributi enpam

Che tu sia un Medico neo-abilitato o già esperto, devi conoscere la tua Cassa di previdenza. L’ENPAM infatti è una parte fondamentale della tua vita lavorativa. Ecco per te la guida completa fra aliquote, scadenze e pagamenti!

Dopo tanti anni di studio e di sacrifici, finalmente inizia la tua carriera da Medico o da Dentista. Sei un neo-abilitato che vuole fare Guardie Mediche? Sei un professionista esperto che esercita privatamente? In ognuno di questi casi, sicuramente avrai aperto la tua Partita Iva da Medico oppure da Dentista. Oltre ad aggiornare le tue competenze e a svolgere la libera professione, devi preoccuparti di come assicurarti la pensione quando sarai anziano. Se non hai idea di come funziona la tua Cassa di previdenza, non preoccuparti! Leggi l’articolo per scoprire il funzionamento dei contributi ENPAM.

Iscrizione ENPAM e obblighi dichiarativi

Se sei già abilitato alla professione medica, hai già visto come l’iscrizione all’ENPAM sia automatica e contestuale all’iscrizione all’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri. Non dovrai quindi preoccuparti tu di presentare domande alla Cassa.

Un passaggio importante è l’iscrizione all’area riservata sul sito istituzionale www.enpam.it. Leggendo l’articolo infatti capirai che è tramite questo canale che gestirai gran parte del rapporto con l’ENPAM.

Un altro adempimento rilevante riguarda il Modello D. Questo ti serve per calcolare i contributi in Quota B, che scopriremo insieme fra poco. Infatti, devi presentare il Modello D per ogni anno in cui hai prodotto redditi libero-professionali superiori a questi minimali:

  • 4.457,73 euro se hai meno di 40 anni di età;
  • 8.232,59 euro se hai compiuto i 40 anni di età.

Se rientri in uno di questi casi, ricorda che puoi presentare il Modello D attraverso la tua area riservata. L’invio telematico del Modello D è previsto entro il 31 luglio di ogni anno. Nel Modello D va inserito il reddito libero-professionale realizzato nell’anno precedente (es. presentazione il 31 luglio 2020 del Modello D che riporta il reddito 2019). Per il 2020 la scadenza per la presentazione del Modello D è stata rinviata dal 31 luglio al 30 settembre.

Leggi di più: Modello D 2020 rinviato dall’ENPAM al 30 settembre 2020

Quanto costano i contributi ENPAM?

Esistono diverse tipologie di contributi ENPAM, che vedremo nel dettaglio uno alla volta:

  • Quota A;
  • Quota B;
  • versamenti aggiuntivi (facoltativi).

Contributi in Quota A

La Quota A riguarda quei contributi fissi e obbligatori per ogni iscritto. Bisogna pagarli anche se non si producono redditi libero-professionali. Si tratta di un contributo dovuto dal mese successivo a quello di iscrizione, infatti per i neo-iscritti si calcola in proporzione al numero di mesi. La Quota A ha importi diversi in base all’età dell’iscritto. In particolare, per il 2020:

  • 230,65 euro annui fino a 30 anni di età;
  • 447,70 euro annui dai 30 ai 35 anni di età;
  • 840,14 euro annui dai 35 ai 40 anni di età e per gli over 40 ammessi a contribuzione ridotta;
  • 1551,59 euro annui dai 40 anni in poi.

Oltre ai contributi ordinari in Quota A, tutti gli iscritti sono tenuti a versare il contributo di maternità, adozione e aborto, attualmente pari a 45,00 euro.

Contributi in Quota B

La Quota B colpisce le eventuali eccedenze di reddito libero-professionale che superano le soglie minime viste prima. Non sono contributi fissi ma proporzionali. Le aliquote da pagare nel 2020 sui redditi 2019 sono le seguenti:

  • intera: 18,5%;
  • metà dell’aliquota intera: 9,25% (opzione valida per gli iscritti attivi che contribuiscono anche ad altre forme di previdenza obbligatoria, compreso il Fondo Speciale ENPAM, e per i pensionati del Fondo Generale che percepiscono compensi libero-professionali, salva opzione per l’aliquota intera);
  • ridotta: 2% (opzione valida per i titolari di redditi intramoenia e per i partecipanti al Corso di Formazione in Medicina Generale).

Gli appartenenti alle categorie indicate per le ultime due voci possono liberamente scegliere l’aliquota intera. In questo modo chiaramente si ottengono benefici per quanto riguarda la pensione che sarà percepita in futuro.

Queste aliquote sono valide fino ad un massimale di 102.543,00 euro. L’eventuale eccedenza di reddito rispetto a questa soglia prevede un’aliquota dell’1% per tutti gli iscritti.

Dal 2020 (contributi da versare nel 2021) l’aliquota intera salirà al 19,50% e dunque la metà sarà adeguata al 9,75%.

Clicca qui se vuoi conoscere regole e aliquote ENPAM per il 2021

Versamenti aggiuntivi

L’ENPAM prevede la possibilità di aumentare volontariamente i propri versamenti. Si tratta quindi di una contribuzione facoltativa. L’iscritto può aumentare i contributi da versare di una percentuale compresa fra l’1% e il 5% del proprio reddito. Per farlo, è necessario presentare domanda con l’apposito modulo, entro il 31 gennaio, per l’anno precedente. L’opzione rimane valida fino a successive comunicazioni dell’iscritto.

Si tratta naturalmente di una scelta che consente di aumentare la propria pensione. Un’altra possibilità per aumentare la pensione è rappresentata dall’allineamento contributivo. Ciò significa che si può chiedere all’ENPAM di versare delle somme aggiuntive che consentono di portare la contribuzione degli anni precedenti ai livelli di quella dell’ultimo anno (che si presume sia più alta).

Leggi di più: Bonus ENPAM 1000 euro per Medici e Dentisti

Scadenze e modalità di versamento

Detto delle scadenze relative al Modello D e ai versamenti aggiuntivi modulari, andiamo ora a completare il quadro. Per quanto riguarda la Quota A, si può pagare per l’anno in corso:

  • in unica soluzione (entro il 30 aprile);
  • con 4 rate (30 aprile, 30 giugno, 30 settembre, 30 novembre).

Il pagamento può avvenire:

  • tramite Mav, disponibile nell’area riservata;
  • con domiciliazione bancaria (necessario optare entro il 15 marzo).

La Quota B, invece, si può pagare solo nell’anno successivo a quello di riferimento. Questo perché bisogna prima conoscere con esattezza il reddito professionale ottenuto fra il 1° gennaio e il 31 dicembre dell’anno di riferimento. Tale importo, come abbiamo visto, viene comunicato con il Modello D. Anche qui il pagamento può avvenire:

  • tramite Mav, scaricabile dall’area riservata;
  • con domiciliazione bancaria.

Si può pagare:

  • in unica soluzione (entro il 31 ottobre dell’anno successivo);
  • con 2 rate (31 ottobre e 31 dicembre, ma solo con domiciliazione bancaria);
  • con 5 rate (31 ottobre, 31 dicembre, 28 febbraio, 30 aprile e 30 giugno, solo con domiciliazione bancaria).

ATTENZIONE! L’ENPAM ha previsto nuove scadenze e modalità di pagamento per agevolare gli iscritti in questo anno molto particolare. Per tutti i dettagli leggi l’articolo Pagamento contributi ENPAM 2020: novità e agevolazioni.

Ricorda che se vuoi aprire e gestire online la tua Partita Iva, non devi fare altro che candidarti sul nostro sito per trovare un Commercialista online dedicato ed esperto sul tuo caso!

Leggi di più: Bonus ENPAM+: platea estesa a nuovi iscritti e pensionati

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più