Calcolo Imu 2021: base imponibile, aliquote e scadenze

di Francesco Aquilino
Calcolo Imu 2021

Scopri come effettuare in maniera corretta il calcolo dell’Imu 2021. Ecco per te una guida completa su base imponibile, aliquote e scadenze di versamento.

A partire dallo scorso anno sono state introdotte importanti modifiche alla disciplina dell’Imposta municipale propria (IMU). Infatti, la legge n. 160 del 2019 (Legge di Bilancio 2020) ha abolito la Tasi e, di conseguenza, aumentato le aliquote Imu. Analizziamo quindi nel dettaglio la disciplina in vigore per il 2021, focalizzandoci sul calcolo della base imponile Imu, sulle aliquote in vigore per il 2021 e sulle scadenze per il versamento di acconto e saldo.

Leggi di più: Agevolazioni prima casa: scopri i requisiti

Calcolo Imu 2021: la base imponibile

La base imponibile è determinata moltiplicando la rendita catastale (al 1° gennaio dell’anno di imposta) rivalutata del 5% per uno dei seguenti coefficienti:

  • 160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A (esclusa la categoria A/10) e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7;
  • 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;
  • 80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale D/5 e A/10;
  • 65 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D (esclusa la categoria D/5);
  • 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1.

Per i fabbricati non iscritti in catasto classificabili nel gruppo catastale D e posseduti da imprese la base imponibile è determinata moltiplicando il valore contabile per dei coefficienti comunicati annualmente dal MEF. In caso di leasing il valore è determinato sulla base delle scritture contabili del locatore, che fornisce al locatario le informazioni necessarie al calcolo dell’imposta. Per le aree fabbricabili il riferimento è il valore venale di commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione.

Per i terreni agricoli la base imponibile è calcolata moltiplicando il reddito dominicale rivalutato del 25% per un coefficiente di 135.

La base imponibile è ridotta del 50% per le unità immobiliari, escluse quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda una sola abitazione in Italia e risieda o dimori abitualmente nel comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato. La riduzione al 50% è prevista anche:

  • in caso di morte del comodatario, in favore del suo coniuge con figli minori;
  • per i fabbricati di interesse storico o artistico;
  • per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili.

Le aliquote Imu per l’anno 2021

Riepiloghiamo le aliquote Imu applicabili per l’anno 2021. L’aliquota di base è il riferimento di partenza per ogni comune. Questi hanno la piena libertà di ridurre l’aliquota fino ad azzerarla o di aumentarla entro i limiti dell’aliquota massima. Analizziamo quindi nel dettaglio le aliquote, con riferimento ad ogni tipologia di immobile:

  • all’abitazione principale classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e alle relative pertinenze si applica un aliquota base pari allo 0,5% e un aliquota massima dello 0,6% (alla prima casa di applica una detrazione sull’ammontare dovuto pari a 200 euro);
  • per i fabbricati rurali ad uso strumentale l’aliquota di base è pari allo 0,1% e può solo essere ridotta fino a zero;
  • per i fabbricati merce, destinati alla vendita, l’aliquota base è pari allo 0,1% e l’aliquota massima è pari allo 0,25% (dal 2022 questi fabbricati saranno esenti dall’Imu);
  • ai terreni agricoli si applica un’aliquota di base pari allo 0,76% e una aliquota massima dell’1,06%;
  • agli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D di applica l’aliquota di base dello 0,86% (di cui la quota pari allo 0,76% è riservata allo Stato) e i comuni possono aumentarla sino all’aliquota massima pari all’1,06% o diminuirla fino al limite dello 0,76%;
  • per gli immobili diversi dall’abitazione principale e non rientranti nelle categorie già elencate (comprese le aree fabbricabili) l’aliquota base è lo 0,86%, mentre l’aliquota massima è pari all’1,06% (solo per il 2021 l’aliquota massima può essere in alcuni casi aumentata fino all’1,14%).
Calcolo Imu 2021

Scadenze per il versamento dell’Imu

Il versamento dell’Imu avviene normalmente in due rate, rispettivamente con scadenza al 16 giugno e al 16 dicembre, fatta salva la facoltà di pagare l’intero entro il 16 giugno. La prima rata, o acconto, è pari all’imposta dovuta per i primi sei mesi applicando l’aliquota (ed eventualmente la detrazione) dei dodici mesi dell’anno precedente. Il versamento della seconda rata, o saldo, è eseguito a conguaglio sulla base delle aliquote risultanti dal prospetto delle aliquote pubblicato il 28 ottobre di ciascun anno sul sito internet del Dipartimento delle finanze del Ministero dell’economia e delle finanze.

Il versamento può avvenire tramite modello F24, bollettino postale o tramite il sistema PagoPA. Se l’imposta liquidata è inferiore a 12 euro, il versamento non è dovuto (bisogna in ogni caso verificare che il regolamento comunale non preveda un importo minimo inferiore).

Leggi di più: Imu 2021: presupposto, esenzioni e soggetti obbligati

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più