Quota A ENPAM: cambiano le scadenze per il 2021

di Michele Aquilino
quota a enpam

La Cassa di previdenza di Medici e Odontoiatri annuncia delle novità. Cambia la scadenza per pagare la Quota A. All’orizzonte anche la possibilità di chiedere una riduzione dei contributi.

Ancora novità in casa ENPAM. La Cassa di previdenza di Medici e Odontoiatri è stata fra le più attive dallo scoppio della pandemia nel sostenere i propri iscritti. Ricordiamo ad esempio il Bonus che dava diritto ad un massimo di 3 mensilità da 1000 euro, poi ulteriormente esteso con il Bonus ENPAM+. Guardando oltre i bonus, alcune novità hanno riguardato scadenze e modalità di pagamenti e adempimenti. La scadenza per la presentazione del Modello D 2020, ad esempio, è passata dal 31 luglio al 30 settembre. Rinvii e dilazioni hanno interessato anche i pagamenti della Quota A e della Quota B da versare all’ENPAM nel 2020.

Proprio la Quota A 2021 è investita dagli ultimi slittamenti. Ma non è tutto. L’ENPAM infatti si rifà ad una previsione dell’ultima Legge di Bilancio, preparando il terreno per una riduzione dei contributi degli iscritti. Vediamo dunque i dettagli delle novità già introdotte o ad oggi solamente potenziali.

Leggi di più: Prestazioni occasionali vietate per iscritti ad Albi professionali

Quota A ENPAM 2021: cos’è e quanto costa

La Quota A riguarda la parte di contributi fissa e obbligatoria per ogni iscritto. Bisogna pagarla anche se non si producono redditi libero-professionali. Si tratta di un contributo dovuto dal mese successivo a quello di iscrizione, infatti per i neo-iscritti si calcola in proporzione al numero di mesi. La Quota A ha importi diversi in base all’età dell’iscritto. In particolare, per il 2021:

  • 234,11 euro annui fino a 30 anni di età;
  • 454,42 euro annui dai 30 ai 35 anni di età;
  • 852,74 euro annui dai 35 ai 40 anni di età e per gli over 40 ammessi a contribuzione ridotta;
  • 1574,86 euro annui dai 40 anni in poi.

Oltre ai contributi ordinari in Quota A, tutti gli iscritti sono tenuti a versare il contributo di maternità, adozione e aborto, attualmente pari a 44,55 euro.

Leggi di più: Contributi Enpam 2021: Guida completa, costi e scadenze

quota a enpam

Le ultime novità dall’ENPAM: nuove scadenze e riduzione dei contributi

Come e quando si paga la Quota A? Il pagamento può avvenire:

  • con bollettino Mav, disponibile nell’area riservata;
  • con domiciliazione bancaria (previa specifica opzione nell’area riservata).

La scadenza ordinaria della Quota A, ossia quella che normalmente si ripete negli anni, è fissata al 30 aprile. Tuttavia, per la Quota A 2021 l’ENPAM ha spostato la scadenza al 31 maggio 2021. Ci sarà dunque un mese di tempo in più per pagare la Quota A senza incorrere in sanzioni.

Lo slittamento non preclude la possibilità – alternativa a quella in unica soluzione – del pagamento in 4 rate. Le nuove scadenze per il pagamento rateale del 2021 sono le seguenti:

  • 31 maggio (invece del 30 aprile);
  • 31 luglio (invece del 30 giugno);
  • 30 settembre (confermata);
  • 30 novembre (confermata).

Leggi di più: Medico di continuità assistenziale: l’inquadramento corretto

Riduzione dei contributi ENPAM in vista?

Sempre con un particolare occhio di riguardo per i propri iscritti, l’ENPAM anticipa in parte le procedure per accedere ad una possibile riduzione dei contributi previdenziali per il 2021. Si tratta di una possibilità prevista dalla Legge di Bilancio 2021 per una vasta platea di lavoratori, compresi proprio gli iscritti all’ENPAM.

Se i requisiti per poter accedere a questo beneficio sono già stati previsti dalla stessa Legge di Bilancio 2021, i termini di dettaglio dell’agevolazione non sono ancora noti. Aspetti come l’ammontare della riduzione spettante oppure le modalità per fare domanda dovrebbero, infatti, essere presentati in un decreto attuativo. Tale provvedimento, atteso entro 60 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio, non è stato però ancora pubblicato.

In attesa di queste istruzioni, l’ENPAM ha già predisposto uno sportello telematico – a cui ogni medico può accedere tramite la propria area riservatain cui certificare, entro il 15 maggio 2021, il possesso dei requisiti indicati dalla Legge di Bilancio per poter godere della riduzione dei contributi. Tale passaggio è finalizzato a semplificare e velocizzare l’iter di effettivo riconoscimento del beneficio agli aventi diritto, una volta pubblicato il tanto atteso decreto attuativo.

Per conoscere in dettaglio i requisiti previsti dalla Legge di Bilancio, puoi leggere l’articolo che trovi cliccando su questo link.

Leggi di più: Medici Specializzandi: tutto su Partita IVA, tasse, contributi

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più