Archivio Vies: cos’è e a cosa serve?

di Antonella Salzarulo
archivio vies

Al fine di poter effettuare operazioni intracomunitarie, i soggetti IVA devono essere inclusi nell’archivio Vies (VAT information exchange system). In questo articolo proveremo a spiegare cos’è e a cosa serve.

I soggetti IVA che svolgono operazioni intracomunitarie o ricevono beni/prestazioni di servizi da soggetti appartenenti all’UE devono essere inclusi nel c.d. archivio Vies. L’opzione per effettuare queste operazioni può essere espressa:

  • direttamente nella dichiarazione di inizio attività;
  • in un secondo momento, telematicamente, in modalità diretta o tramite i soggetti incaricati di cui ai commi 2-bis e 3 dell’articolo 3 del Dpr 322/1998.

Ovviamente, in qualunque momento, i contribuenti possono comunicare la volontà di essere esclusi dall’archivio Vies perché non sussistono più i requisiti. Tuttavia, la revoca dell’opzione può essere effettuata esclusivamente attraverso i servizi telematici.

Leggi di più: Verifica Partita IVA: la Guida aggiornata per il 2021

Archivio Vies: chi deve richiedere l’inclusione

L’obbligo di essere inclusi nell’archivio Vies per poter effettuare operazioni intracomunitarie riguarda tutti i soggetti che:

  • esercitano attività impresa, arte o professione, nel territorio dello Stato;
  • istituiscono una stabile organizzazione nel territorio dello Stato;
  • pur non essendo residenti nel territorio dello Stato, presentano la dichiarazione per l’identificazione diretta ai fini Iva (modello ANR) o che si identificano tramite nomina di un rappresentante fiscale.

Come fare richiesta di inclusione nell’archivio

La volontà di essere inseriti nel Vies viene espressa compilando il campo “Operazioni Intracomunitarie” del quadro I dei modelli AA7 (soggetti diversi dalle persone fisiche) o AA9 (imprese individuali e lavoratori autonomi). Una volta espressa tale volontà, l’Agenzia delle Entrate include immediatamente il numero di partita Iva nell’archivio Vies al momento della ricezione dell’opzione.

In alternativa, il contribuente può utilizzare il servizio apposito presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Come? Basterà:

  • collegarsi al sito di Agenzia delle Entrate;
  • accedere all’area riservata;
  • accedere alla sezione “Servizi per” e “Comunicare“;
  • selezionare “Opzione archivio VIES“;
  • selezionare il comando “Comunicazione di inclusione” e indicare la Partita IVA.

Verifica di inclusione

Il contribuente può verificare l’avvenuta inclusione della propria posizione nell’archivio in ogni momento utilizzando il servizio di verifica online. Inoltre, è utile ricordare che nei confronti dei soggetti inclusi nell’archivio Vies sono effettuati controlli formali sulla regolare presentazione degli elenchi riepilogativi relativi alle operazioni intracomunitarie effettuate. A seguito di tali controlli, l’Agenzia delle Entrate procede all’esclusione dal Vies dei soggetti che risultano non aver presentato alcun elenco riepilogativo per quattro trimestri consecutivi.

Leggi di più: Aliquote IVA 2021: le tabelle complete attualmente in vigore

Articoli Correlati

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetta Leggi di più